Banche accordo sofferenza
|

Partite Iva: la guida alle novità della legge di Stabilità

Correzione del regime fiscale con innalzamento delle soglie di ricavi per l’accesso al regime dei forfettari. Tasse al 5% per le start up. Modifica alla deduzione delle spese di formazione. Sono queste le principali novità che riguardano le partite Iva contenute nella legge di Stabilità approvata ieri in Consiglio dei Ministri. Ne parla Giovanni Parente sul Sole 24 Ore.

 

LEGGI ANCHE: Pensioni, ecco le 4 novità nella legge di Stabilità

 

PARTITE IVA, RITOCCHI AL REGIME DEI FORFETTARI –

Il regime dei forfettari rimane sostanzialmente invariato. Il 15% di tasse da pagare sostituisce imposte dirette e addizionali, Iva e Irap. Vengono innalzate le soglie di fatturato che sono differenziate per tipologia di attività:

Come precisato anche dal comunicato stampa diffuso da Palazzo Chigi ieri sera, gli attuali “livelli” di ricavi saranno aumentati di 10mila euro per tutti, tranne che per i professionisti per i quali l’aumento sarà di 15mila euro. Questi ultimi, dunque, arriveranno a 30mila euro. Viene estesa la possibilità di accesso al regime forfettario ai lavoratori dipendenti e pensionati che hanno anche un’attività in proprio a condizione che il loro reddito da lavoro dipendente o da pensione non superi i 30mila euro.

PARTITE IVA, TASSE AL 5% PER LE START UP –

È poi previsto l’abbattimento di un terzo dell’aliquota al 15% per le nuove aperture di partite Iva. Spiega ancora Parente sul Sole 24 Ore:

In pratica, gli attuali minimi (quelli con un prelievo ultraridotto al 5% e soglia di ricavo unica a 30mila euro) dovrebbero diventare il regime delle start up che potrà essere conservato per i primi cinque anni di attività.

PARTITE IVA, MAGGIORI TUTELE PER GLI AUTONOMI –

Infine, le maggiori tutele e l’estensione della deducibilità delle spese di formazione:

Destinati a prendere la strada del collegato alla legge di stabilità sono invece le maggiori tutele per il lavoro autonomo. In questo veicolo entrerà anche la modifica sulla deduzione delle spese di formazione, che dovrebbe diventare integrale ma entro un plafond annuo molto probabilmente (ma anche in questo caso sarà bene aspettare il testo finale) di 10mila euro.

(Foto di copertina: )