come vincere la pigrizia
|

5 consigli per vincere la pigrizia

Come vincere la pigrizia ed essere efficienti, organizzando in modo migliore la nostra giornata. Lo spiega un professore americano, Cal Newport, che insegna informatica alla Georgetown University, in soli cinque punti per massimizzare le otto oro in cui di solito lavoriamo in ufficio. Consigli che possono essere anche utilizzati per il resto della propria vita, all’insegna della programmazione come chiave per il raggiungimento dei risultati prefissati.

  • 1. Basta con le liste delle cose da fare, da sostituire con un’agenda oraria. Cal Newport rimarca come le liste delle cose da fare siano fondamentalmente inutili se non sono associate a un’agenda, in cui sono fissati i tempi in cui vanno realizzate. Non conta l’ordine, ma il quando si può fare un determinato compito. Solo in questo modo si possono fissare obiettivi realistici.
  • 2. Retrodatare i propri compiti. Per fissare la propria agenda bisogna stabilire quanto tempo si deve lavorare. Dopo aver individuato il massimo monte orario possibile, si deve percorrere all’indietro la giornata lavorativa, fissando deadline così da riempire le 8 ore in cui si è impegnati in ufficio.
  • 3. Programmare l’intera settimana. Per lavorare in modo sempre più efficiente è necessario programmare non solo una giornata, ma un’intera settimana. Ulteriore consiglio in merito è l’invio a se stessi di un mail in cui è contenuta la propria agenda lavorativa dei prossimi giorni, da mandare lunedì mattina e da non cancellare fino a venerdì sera.
  • 4. Fare poche cose, ma farle bene. La programmazione pone obiettivi realistici, e ci permette di concentrarci su un numero inferiore di cose da fare. Queste però devono essere svolte in modo il più possibile impeccabile. L’importante è fare le cose che creano davvero valore alla nostra vita, professionale e non.
  • 5. Concentrarsi sulle cose rilevanti, e tralasciare quelle superficiali. Non tutto il lavoro è importante allo stesso modo. La concentrazione e l’impegno massimo devono essere forniti sulle mansioni che necessitano di nostri sforzi, mentre altre occupazioni più superficiali, come la redazione di email o le riunioni , devono essere contenute il più possibile.

LEGGI ANCHE

I 10 consigli per vestirsi per un colloquio di lavoro

Sette domande finali da fare a un colloquio di lavoro

I 10 errori che fai a tua insaputa ancora prima di fare un colloquio di lavoro

Photo credit: Christopher Furlong/Getty Images