google nascita
|

Il mistero della data di nascita di Google

Ha 17 anni, ma il suo compleanno non è solo il 27 settembre. Google in realtà è nato due volte. La prima, quella ufficiale, quando nel lontano 1998 fu registrato il record di pagine indicizzate. la seconda quando è realmente nato Google: il 4 settembre 1998, quando Larry Page e Sergey Brin, al tempo studenti dell’Università di Stanford, fondarono la società.

google nascita
Qualche compleanno fa

LEGGI ANCHE: Google Foto come funziona e perché usarlo

GOOGLE NASCITA: I PRIMI PASSI

– Larry Page e Sergey Brin si incontrarono alla Stanford University. Larry aveva 22 anni ed era studente all’università del Michigan. Stava decidendo se iscirversi o no a quel college e Sergey, 21 anni, fu incaricato di fargli da guida per l’ateneo.
Nel 1996 Larry e Sergey iniziarono a lavorare su un motore di ricerca: BackRub. BackRub fu utilizzato sui server della Stanford University, ma il 15 settembre 1997 viene registrato il dominio Google.com. Perché Google? Perché “googol” è un termine matematico che indica il numero caratterizzato da un 1 iniziale seguito da 100 zeri. Ecco un video che ci mostra tutti i doodle che Google ha creato per festeggiare:

guarda il video:

GOOGLE NASCITA: L’ANNO DI FONDAZIONE

– Larry introduce la “Google Friends Newsletter”e ad agosto 1998 arrivano i primi soldini: dal cofondatore della Sun, Andy Bechtolsheim, e il suo assegno di 100 mila dollari per la Google Inc. (che ancora non esisteva). Il primo Doodle di Google? Per il festival Burning Man nel deserto del Nevada, Larry e Sergey incorporarono nel logo la figura di un omino stilizzato, simbolo dell’evento, per comunicare dove sarebbe stato il team in quei giorni. Il 4 settembre 1998 (praticamente un anno dopo la registrazione del dominio) Larry e Sergey aprono un conto in banca a nome della società e depositano l’assegno di Andy Bechtolsheim. All’inizio iniziarono nel garage di Susan Wojcicki (con il primo dipendente e collega Craig Silverstein). Poi sarà Palo Alto: il resto è storia.

(Photocredit copertina: Google)