|

Avere gli occhi azzurri in venti secondi (con il chirurgo)

Una clinica specializzata ha messo a punto uno tecnica che trasforma il colore dell’iride

Ne parla Enrico Franceschini su Repubblica, chiamandola “l’ultima follia estetica”: tutti con gli occhi azzurri, a patto che abbiate 3800 euro da spendere. E la possibilità di fare un salto a Londra, ovviamente:

Ed è già boom di richieste. Per adesso è ancora nella fase sperimentale e non mancano i dubbi da parte degli esperti medici sui rischi che una procedura del genere può comportare. Altri interrogativi riguardano l’ambito del politicamente corretto: possibile che, nell’era della globalizzazione e del “siamo tutti meticci”, mentre in capitali multietniche come Londra e New York si mescolano razze di ogni parte del mondo, ci sia ancora una vasta richiesta per non dire un desiderio di massa del simbolo per eccellenza della specie “ariana”, gli occhi azzurri (da accoppiare ai capelli biondi, più facilmente ottenibili, questi, con una buona tintura)? Ebbene sì, sostiene Gregg Homer, 57enne fondatore di Stroma Medical, una società di ricerche nel campo della chirurgia plastica che ha inventato il sistema per cambiare il colore degli occhi. «Non ho niente contro gli occhi scuri, anzi penso che siano belli», dice Homer, che ha gli occhi azzurri (naturali), al Timesdi Londra. «In vita mia ho incontrato un sacco di gente che vorrebbe avere gli occhi azzurri, e così come uno cambia colore dei capelli o usa la chirurgia estetica per modificare un tratto del proprio aspetto che non lo soddisfa, non vedo nulla di male nell’offrire al mercato ciò che il mercato chiede».

Funziona così:

Un raggio laser, sparato per 20 secondi sull’iride, distrugge il sottile strato di pigmentazione che copre la parte colorata dell’occhio, che nel giro di poche settimane si tramuta così da scura a chiara, ossia azzurra. La procedura, avvertono i dubbiosi, potrebbe aumentare la pressione dell’occhio. Oppure dilatare la pupilla in maniera anormale. E non è detto che il risultato sia immediatamente lo stesso in entrambi gli occhi, sicchè per averli della stessa tonalità di azzurro potrebbero essere necessari vari interventi.

Un altro dubbio è di tipo antropologico e sociale:

Charles Darwin, nel suo trattato “The descent of man”, considerava gli occhi azzurri un richiamo nuovo per risultare attraenti all’altro sesso, ma nuove teorie ritengono che la loro comparsa, dovuta a una misteriosa mutazione genetica all’incirca 20 mila anni or sono, sia solo una conseguenza delle pelle pallide che ricevono meno sole, assorbono più vitamina D e sopravvivono meglio al freddo, le condizioni in cui vivevano i nostri antenati del Nord Europa all’età della pietra. Non sarebbero, in altre parole, un segno di bellezza. Di certo c’è che oggi il 90 per cento della popolazione mondiale ha gli occhi scuri. Se una parte di costoro sogna di averli azzurri come Cameron Diaz e Daniel Craig finora ha avuto solo una possibilità: mettere lenti a contatto colorate. La Stroma prevede che entro tre anni, terminata la fase sperimentale e ottenute le necessarie licenze, un buon numero di terrestri sceglierà la sua tecnica laser per averli azzurri non per un giorno o per una sera, ma per sempre.