|

#iltuoexmarito sul Corriere spacca l’Internet (anche se è uno spot)

Oggi il web italiano non fa che parlare della lettera che tale “Enzo” ha pubblicato a tutta pagina sul Corriere della Sera in edicola oggi e che smaschera davanti all’Italia intera i tradimenti reiterati della moglie “Lucia”. La lettera, pubblicata a pagina 24 del Corsera è diventata immediatamente virale su Facebook e Twitter – dove sono spuntate una pagina creata ad hoc e addirittura un hashtag, #iltuoexmarito – tanto che qualcuno ha subito intuito che ci fosse sotto qualcosa di molto diverso da un marito tradito. E infatti, il mistero è stato presto svelato: la lettera di “Enzo” e tutto il polverone generato sui social, non sono altro che una campagna pubblicitaria per il lancio di Alta Infedeltà, il nuovo programma di Real Time dedicato a corna e tradimenti che partirà settimana prossima, condotto da Enzo Miccio.

SOLIDARIETÀ A ENZO E INSULTI A LUCIA –

Il vero “significato” di quella lettera è stato svelato verso metà mattina, ma passerà del tempo prima che sia chiaro a tutti che si trattava di una sontuosa – e probabilmente anche molto costosa – campagna pubblicitaria. Nel frattempo, il web si divide tra coloro che esprimono la propria solidarietà al povero Enzo e chi invece ne approfitta per insultare Lucia (e tutte le donne con lei).

Facebook/Selvaggia Lucarelli
Click sull’immagine per ingrandire – Facebook/Selvaggia Lucarelli

Leggi i commenti:

Click sull'immagine per ingrandire - Facebook
Click sull’immagine per ingrandire – Facebook
Click sull'immagine per ingrandire - Facebook
Click sull’immagine per ingrandire – Facebook
Click sull'immagine per ingrandire - Facebook
Click sull’immagine per ingrandire – Facebook

LEGGI ANCHE: I prediciottesimi diventano un programma tv

UNA CAMPAGNA CHE NON PIACE? –

Ma se ogni occasione è buona per tirare in ballo i classici due minuti d’odio, c’è anche chi guarda la faccenda da un altra prospettiva, prendendo #iltuoexmarito per quello che è: una campagna di marketing. Una campagna basata su un’idea che in molti ritengono opinabile: creare due personaggi fittizzi a cui “regalare” insulti reali e generare il famoso “buzz”.

 

E la discussione si allarga:  

(Photocredit copertina: Facebook/Il tuo ex marito)