|

Oscar 2015, il discorso di Arquette per la «parità tra uomini e donne» infiamma la platea

Vincere un Oscar e approfittare della premiazione per fare un discorso politico. È quanto ha fatto ieri l’attrice Patricia Arquette, che ieri ha ricevuto l’Academy Award come migliore attrice non protagonista per l’interpretazione nel film Boyhood, diretto da Richard Linklater. Una volta salita sul palco di Los Angeles, dopo i ringraziamenti di rito alla sua famiglia e al cast, Arquette ha galvanizzato la platea reclamando parità di trattamento nel mondo del lavoro tra uomini e donne.

 

 

LEGGI ANCHE:
L’Italia agli Oscar, Canonero quarto Oscar e Francesco Rosi dimenticato
Oscar 2015: Lady Gaga omaggia Tutti insieme appassionatamente
I 10 momenti più assurdi della storia degli Oscar

 

PATRIZIA ARQUETTE, DISCORSO POLITICO SUL PALCO DEGLI OSCAR – «È arrivato il momento che per le donne si inizi a parlare di uguali diritti e stesse paghe, una volta per tutte», ha affermato la 46enne attrice statunitense. Le sue frasi hanno infiammato anche altre protagoniste della serata degli oscar, come Meryl Streep e Jennifer Lopez. Arquette ha invitato le donne a farsi sentire, ribadendo la necessità di «una legge federale che ristabilisca» in America i loro diritti. In particolare l’attrice ha ringraziato «tutte le donne che hanno partorito, tutte le cittadine e le contribuenti di questa nazione: abbiamo combattuto per i diritti di tutti gli altri, adesso è ora di ottenere la parità di retribuzione una volta per tutte, e la parità di diritti per tutte le donne negli Stati Uniti». «Non ho mai pensato a vincere un Oscar ma ho sempre aiutato di aiutare la gente e continuerò a farlo», ha poi detto in conferenza stampa Arquette, molto impegnata in iniziative benefiche.

(Foto di copertina da archivio LaPresse. Credit: Reuters / Mike Blake)