|

71. Mostra del Cinema di Venezia: Leone d’Oro a Roy Andersson

A pigeon sat on a branch reflecting on existence è il film vincitore della 71. Mostra del Cinema di Venezia. La Giuria del Lido ha assegnato il Leone d’Oro al regista norvegese Roy Andersson, che ha sbaragliato la concorrenza del russo Andrei Konchalovsky, vincitore del Leone d’Argento con il suo The Postman’s White Nights. Doppietta per Hungry Herts di Saverio Costanzo, che con le interpretazioni di Alba RohrwacherAdam Driver vince entrambe le Coppe Volpi per la migliore interpretazione femminile e maschile. Gran Premio della Giuria a The Look of Silence di Joshua Oppenheimer. Rimane a bocca asciutta Birdman di Iñàrritu, che pure era stato uno dei film più acclamati da pubblico e critica. Da segnalare anche Belluscone – Una storia siciliana: il film di Franco Maresco vince il Premio speciale della Giuria della Sezione Orizzonti.

Il regista norvegese Roy Andersson - Leone d'Oro 2014 (Foto: TIZIANA FABI/AFP/Getty Images)
Il regista norvegese Roy Andersson – Leone d’Oro 2014 (Foto: TIZIANA FABI/AFP/Getty Images)

LEONE D’ORO A ROY ANDERSSON – Un film, A pigeon sat on a branch reflecting on existence, complesso fin dal titolo, traducibile con “Un piccione si posò su un ramo riflettendo sull’esistenza”, che racconta in 39 piani sequenza le esistenze di altrettanti personaggi, surreali e distrutti. Ci sono i venditori di maschere e travestimenti, l’ex capitano di un traghetto che ora è passato a fare il parrucchiere, l’insegnante di flamenco che si lascia andare con uno dei suoi allievi. Il film chiude la trilogia di Roy Andersson sull’essere umano, dopo Songs from the Second Floor e You, the Living. Ed era stato il regista stesso a descriverle A pigeon sat on a branch reflecting on existence come la fusione di Don Chisciotte di Cervantes, Uomini e topi di John Steinbeck e Delitto e castigo di Dostoevskij. Ringraziando la giuria e la platea del Lido, Andersson ha citato il grande cinema italiano. Su tutti, Ladri di biciclette di Vittorio De Sica.

Guarda la Gallery – Tutti i vincitori della 71. Mostra del Cinema di Venezia

VENEZIA 71. LA DIRETTA DELLA PREMIAZIONE 

19.54 – LEONE D’ORO: A pigeon sat on a branch reflecting on existence – Il regista norvegese Roy Andersson vince il Leone d’Oro 2014, sovvertendo ogni pronostico! Il regista ringrazia, citando Ladri di biciclette di De Sica e tutti i grandi maestri del cinema italiano. Nessuno forse, si sarebbe aspettato questa scelta, da parte della Giuria.

19.50 – Leone d’Argento: The Postman’s White Nights del russo Andrei Konchalovsky. Era uno dei favoriti per il Leone d’Oro: a questo punto i giochi sono ancora tutti aperti… sarà Birdman a vincere?

19.45 – Mancano due premi, i più ambiti: Leone d’Argento e Leone d’Oro… La tensione sale…

19.44 – Gran Premio della Giuria: lo vince The Look of Silence di Joshua Oppenheimer. Il regista non è presente al Lido, rimasto bloccato a Chicago da una tempesta che ha portato alla cancellazione del suo volo. Il regista ringrazia con un videomessaggio.

19.40 – Coppa Volpi per la Miglior Interpretazione Femminile va ad Alba Rohrwacher: Hungry Hearts fa il bis! Alba, emozionatossima, ritira il premio e ringrazia il regista Saverio Costanzo.

cinema venezia 71 vincitori 2014 3

19.40 – Coppa Volpi per la Miglior Interpretazione Maschile: Adam Driver, protagonista di Hungry Hearts di Saverio Costanzo. 

19.34 – Romain Paul con “Le dernier coup de marteau” vince il Premio Marcello Mastroianni per il Miglior Regista

19.32 – Tocca alla consegna del Premio Migliore Sceneggiatura: a vincerlo è Ghesse-ha – Tales della regista iraniana Rakhshan Bani-Etemad, che ringrazia a nome di tutti gli iraniani che amano il cinema.

19.29 – Premio Speciale della Giuria: lo vince Sivas del regista turco Kaan Müjdeci

19.27 – Sale sul palco la Giuria Ufficiale di Venezia 71: la premiazione entra nel vivo, e tra qualche minuto verranno annunciati i premi più attesi, tra cui il Leone d’Oro 2014.

19.26 – Belluscone – Una storia siciliana, vince il Premio speciale della Giuria della Sezione Orizzonti.

19.20 – Premio Orizzonti per il Miglior Cortometraggio: Maryam di Sidi Saleh (Indonesia)

19.17 – Migliore opera prima: Alice Rohrwacher annuncia il vincitore, è Court di Chaitanya Tamhane

19.14 – Una giornata particolare di Ettore Scola vince il premio per il Miglior Classico Restaurato. Ad annunciarlo è Malvina Giordano, una studentessa di Scienze della Comunicazione chiamata sul palco direttamente dal pubblico.

19.1o – Si comincia dai premi collaterali: applausi per Frances McDormand, James Franco e Valentina Corti, già premiati nei giorni scorsi.

19.08 – Luisa Ranieri compare sul palco della Sala Grande, meravigliosa. Il suo è un invito a tutti i presenti: “La mostra non finisce qui, da domani dobbiamo tutti festeggiare il cinema bello, insieme”.

cinema venezia 71 vincitori 2014

19.00 – Ancora qualche minuto di pazienza: gli invitati sono già tutti entrati nella in Sala Grande del Palazzo del Cinema. La cerimonia di premiazione della 71. Mostra del Cinema di Venezia sta per iniziare e presto sapremo il nome del Leone d’Oro 2014.

18.55 – LE DICHIARAZIONI FINALI – A pochissimi minuti dall’inizio della cerimonia di premiazione parlano i “big” dell’organizzazione della Mostra del Cinema di Venezia: tutti, dal direttore artistico Alberto Barbera ad Anna Maria Tarantola – presidente di Rai – si complimentano per la selezione di film di quest’anno. Emozionatissima anche Luisa Ranieri, madrina della kermesse pronta per la premiazione.

18.40 – PROTESTA AL LIDO – Mentre gli invitati cominciano ad arrivare al Palazzo del Cinema, poco lontano da dove si svolgerà la cerimonia di premiazione sta andando in scena la protesta di una cinquantina di ucraini e italiani contro la guerra in Ucraina.

Emma Stone, protagonista di Birdman (Foto: ascal Le Segretain/Getty Images)
Emma Stone, protagonista di Birdman (Foto: ascal Le Segretain/Getty Images)

18. 30 – CHI SARÀ IL LEONE D’ORO? – Al Lido è tutto pronto: tra qualche minuto inizierà la cerimonia di premiazione della 71a Mostra del Cinema di Venezia, e presto sapremo quale film sarà il Leone d’Oro 2014. Come sempre si sono rincorsi i pronostici e, nelle ultime ore, si sono fatti largo i nomi dei tre favoriti: The Look of Silence – il docu-film di Joshua Oppenheimer sul genocidio indonesiano degli anni Sessanta – The Postman’s White Nights del russo Andrei Konchalovsky e Birdman di Alejandro González Iñárritu, film d’apertura di questa settantunesima edizione della kermesse.

71. MOSTRA DEL CINEMA DI VENEZIA: PRONOSTICI E INDISCREZIONI – Per l’Italia, invece, Elio Germano sarebbe in lizza per aggiudicarsi la Coppa Volpi per la Miglior Interpretazione Maschile per il suo Giacomo Leopardi ne Il giovane favoloso di Mario Martone. Mentre le ultimissime indiscrezioni vedrebbero Hungry Hearts di Saverio Costanzo tra i titoli in concorso che stanno per aggiudicarsi un premio: Alba Rohrwacher, protagonista del film di Costanzo, è infatti tornata al Lido e potrebbe essere lei a essere incoronata migliore attrice di Venezia 71.

Guarda le foto: 

71. MOSTRA DEL CINEMA DI VENEZIA: I PREMI  – C’è attesa anche per l’assegnazione degli altri premi, come il Gran Premio della Giuria, il Premio Sella per la Miglior Sceneggiatura e il Premio Marcello Mastroianni che viene assegnato al miglior regista della kermesse e che secondo gli ultimi rumor che vengono dal Lido potrebbe andare allo svedese Roy Andersson, dietro la macchina da presa di A Pigeon Sat on a Branch Reflecting on Existence. Si tratta comunque di pronostici: non è detto che la Giuria, presieduta dal francese Alexandre Desplat, non abbia in serbo qualche sorpresa…

(Photocredit copertina: GABRIEL BOUYS/AFP/Getty Images)