E voi come stareste per 99 giorni senza Facebook?
|

E voi come stareste per 99 giorni senza Facebook?

E voi come stareste senza Facebook per 99 giorni? Uno studio prova a dare una risposta a questa domanda, cercando di capire cosa potrebbe succedere se si decidesse di passare 90 giorni lontano dal re dei social network. Ed il nome dello studio è a dir poco particolare: «99 giorni di libertà».

L'homepage del sito http://99daysoffreedom.com/
L’homepage del sito http://99daysoffreedom.com/

 

UNA RISPOSTA ALL’ESPERIMENTO DI FACEBOOK – Come riportato da Business Insider, tale studio, creato dall’agenzia Just, prevedeva la richiesta ai candidati di evitare di usare Facebook per novantanove giorni, scoprendo che in totale i volontari avevano guadagnato 28 ore in media, tutto tempo non passato al pc. Lo scopo di questo studio è quello di capire come la vita senza Facebook possa influenzare la felicità individuale delle persone. Lo studio, peraltro, rappresenta una risposta diretta all’esperimento psicologico condotto dal social network in blu lo scorso mese che ha rilevato come gli ingegneri di Facebook abbiano ottimizzato gli algoritmi per i Newsfeed per una settimana nel 2012 per vedere come felicità e depressione potessero essere trasmesse attraverso i contenuti postati sul social network.

 

LEGGI ANCHE: Milano: il vigile in malattia che faceva il bagnino in Calabria

 

L’OBIETTIVO – Tutti possono partecipare a «99 Days of Freedom». Basta cambiare la vostra immagine del profilo così da far capire che state partecipando all’esperimento. Successivamente andate su «Create countdown», ovvero create un conto alla rovescia. Una volta che condividerete il tutto su Facebook, il tempo inizierà a scorrere. Nel corso dei tre mesi i candidati dovranno compilare questionari anonimi che serviranno a verificare il loro stato di felicità. I responsabili del progetto hanno dichiarato in un comunicato stampa che «secondo loro, i partecipanti nei 99 giorni svilupperanno numerosi sentimenti positivi, a dimostrazione che la teoria può reggere». (Photocredit copertina MLADEN ANTONOV/AFP/GettyImages)