|

Riccardo Viti e la disperazione della madre: «Non ci credo, sei tu il mostro!»

«Non ci credo, sei tu il mostro di Ugnano!…». Così, urlando e mettendosi le mani dei capelli, la madre di Riccardo Viti, quando polizia e carabinieri sono giunti nell’abitazione di via Locchi a Firenze per arrestarlo. Viti ha poi confessato di aver causato la morte dei Andreea Cristina Zamfir, la ragazza romena seviziata e lasciata legata ad una transenna lo scorso 6 maggio.

riccardo viti (6)

Leggi anche: Riccardo Viti: arrestato il maniaco seriale che ha ucciso la donna crocifissa

«FACCIO QUESTA COSA PER UN SENSO DI RIVALSA» – «Faccio questa cosa per un senso di rivalsa», ha detto agli inquirenti Riccardo Viti poco dopo essere stato arrestato. Viti ha confessato di aver causato la morte di Andreea Cristina Zamfir, la giovane prostituta romena ritrovata “crocifissa” a Firenze. E a chi gli ha chiesto contro chi avesse questo senso di rivalsa, l’idraulico 55enne ha risposto: “Boh, non so, mia madre è una brava donna”.

(Fonte: TMNews)