|

La strada con le strisce che si illuminano

La strada del futuro sta diventando realtà. Lo dimostra un esperimento compiuto nei Paesi Bassi, dove circa 500 metri di asfalto sono stati illuminati grazie ad una particolare vernice fosforescente utilizzata per tracciare le strisce.

 

strada illuminata strisce 4

 

LA VERNICE FLUORESCENTE – L’idea di nuove tecnologie da applicare alle strada era stata lanciata nel 2012 dal noto studio olandese Roosegard in collaborazione con la società di costruzioni Heijmans. Le nuove strisce rappresentano ora il primo passo verso una realizzazione definitiva di quel progetto. La vernice utilizzata lungo la strada provinciale N329 nel comune di Oss è in grado di assorbire la luce nelle ore diurne per poi rilasciarla di notte e rendendo superfluo, di consensuenza, l’utilizzo di lampioni lungo la carreggiata. «Sembra di guidare in una favola», ha spiegato un sito di informazione olandese parlando dell’innovazione tecnologica.

I DUBBI – Restano comunque da risolvere alcuni interrogativi. Non è chiaro come l’usura possa compromettere l’illuminazione, non è stata ancora realizzata una corretta analisi dei costi e dei benefici degli interventi, ed è da valutare il costo della burocrazia, considerando che sono necessarie le autorizzazioni dei governi locale. Dann Roosegaarde, fondatore dello studio che promuove le strade intelligenti e fluorescenti, ci tiene ad invitare gli amministratori in ogni parte del mondo a sperimentare ed esplorare in ogni città nuove soluzioni per la sicurezza stradale e il risparmio energetico. E le soluzioni sono diverse.

 

 

LE ALTRE INNOVAZIONI – Il piano del 2012 oltre alla vernice illuminante, immagina una vernice dinamica per avvisare gli automobilisti di pericoli legati alle condizioni atmosferiche, sistemi di illuminazione basati su mini-pale eoliche, luci interattive dotate di sensori in grado di riconoscere la presenza di auto nei paraggi, e perfino la corsia elettrica prioritaria in grado di ricaricare i veicoli elettrici che la percorrono.

(Fonte immagini: Nos.nl / Wired.co.uk)