|

Gli abominevoli quadri di G. W. Bush

L’ex presidente americano ha allestito un’esposizione dei suoi ritratti di leader internazionali, l’ultima metamorfosi del presidente che ha regalato 15 anni di guerra inutile agli Stati Uniti.

TXBS211-44_2014_094717_low

UN PENSIONATO TRANQUILLO – G.W. Bush occupa il tempo da presidente in pensione dipingendo. Impedito a viaggiare all’estero per il timore di essere arrestato o fermato, Bush in realtà non ne risente, nemmeno prima di essere eletto presidente si era segnalato per un interesse verso il resto del mondo, e conduce una vita tranquilla, tanto che per ammazzare il tempo si è dato alla pittura.

LA SUA PRIMA MOSTRA – Così è arrivata la prima mostra «The Art of Leadership: A President’s Personal Diplomacy» presso il  George W. Bush Presidential Center dal 5 aprile al 14 giugno nella quale sono esposti i ritratti dei leader incontrati da G.W Bush. È curioso notare come l’allestimento preveda per i ritratti di alcuni leader un vero e proprio altarino sul quale sono esposti memorabilia degli incontri con Bush e altre immagini che le ricordano, mentre per gli altri, tra i quali Berlusconi, c’è solo una parete in comune, una scelta che sembra ben poco casuale, quanto dettata dal un criterio che premia l’importanza dei soggetti.

LEGGI ANCHE: Usa 2016: la carica dei candidati repubblicani