|

Ivan Catalano: da deputato a consigliere M5S a Busto Arsizio?

Due poltrone per uno. Gli attivisti grillini di Busto Arsizio e dintorni sono in agitazione. Il consigliere Giampaolo Sablich rassegnerà a breve le sue dimissioni. Sablich (già autosospesosi dal gruppo pentastellato dopo un sondaggio online) nel giro di un mese, una volta esaurite le sue mozioni, lascerà Palazzo Gilardoni. Lui, marito di Laura Bignami, ha vissuto momenti difficili nel MoVimento, specialmente durante l’allontanamento della moglie dal gruppo pentastellato al Senato. E chi succederà a Sablich? Qui viene il bello, perché in lista, in base alle elezioni del MoVimento 5 Stelle spunta Ivan Catalano ora deputato passato dal MoVimento al gruppo misto alla Camera. Catalano, ha spiegato ad una testata locale, potrebbe non tirarsi indietro. Anche perché il suo posto da parlamentare (per legge) non entrerebbe in conflitto con la carica di consigliere comunale.

catalano consigliere busto Movimento 5 Stelle

LA DECISIONE DI GIAMPAOLOGiampaolo Sablich ha affidato ad una lunga lettera pubblicata sul blog del MoVimento 5 stelle di Busto la sua decisione di lasciare la sua carica. Una decisione maturata da tempo da parte del consigliere che ha criticato duramente la linea assunta da Beppe Grillo e dal suo staff. Qui sotto una parte:

Poco prima delle regionali del 2013, cioè a metà 2012, è stato un fiorire di nuovi gruppi e di ideologi del Movimento 5 Stelle, che ora professano la fede più assoluta dietro ad una tastiera e che probabilmente fino al 2013 avevano votato diversamente, non avevano mai fatto un banchetto o ripreso un video in consiglio comunale, e ancora non lo hanno fatto. Ma tant’è.. il Movimento è libero e aperto a tutti, giustamente. Manca però l’umiltà di molti che sono arrivati o si sono presentati per cavalcare un’onda creata da altri, grazie a Beppe Grillo. E manca soprattutto la partecipazione ed il fiato sul collo che la base dovrebbe esercitare di più sul territorio. La base attivista è piena di liberi pensatori. Ognuno crede di incarnare lo spirito del Movimento, dal rivoluzionario marxista al cattolico perbenista, e pensa di essere il portatore della verità. Quanti sanno dire quali siano le 5 stelle delle origini? Quanti sanno come avremmo dovuto affrontare le scelte ideologiche o etiche? Le cose sono cambiate e le colpe dei figli stanno cadendo sui padri putativi. Se le cose cambiano e, convinti di essere nel giusto, ci si trova in minoranza, le soluzioni sono due: cambiare democraticamente oppure farsi da parte. Se lo strumento per combattere democraticamente non è disponibile è meglio farsi da parte, perché ami ancora la tua creatura. Come diceva il Beppe, se siete stanchi fatevi da parte e fate andare avanti un altro. Lo prendo in parola.

CATALANO NON SI FERMA – Dopo le sue parole si è optato per un sondaggio in rete (rintracciabile qui). Gli attivisti si sono espressi sul suo destino. E ora? E ora a far borbottare i ragazzi è un recente articolo sul deputato Catalano che sulla sostituzione, intervistato, spiega:

Invece io accetto. Ci ho pensato un po’ sopra, credo che se davvero arriverà la chiamata non mi tirerò indietro. Però prima devo fare una premessa.

Prego…

In questo momento faccio il tifo perché Sablich ci ripensi e resti al suo posto. Sarebbe un peccato se dovesse mollare, arrendendosi al fatto che qualcuno sta portando il movimento da un’altra parte rispetto a quello che doveva essere. ma se lascia io voglio almeno provarci

Apriti cielo. Il MoVimento di Legnano scatta all’attacco e accusa pubblicamente il suo eletto su Facebook: «Caro Ivan, forse tu come tanti avevi proprio sbagliato partito….».

MoVimento 5 Stelle Ivan Catalano Consigliere Busto 2

A Busto invece non si prende pubblicamente posizione aspettando la decisione di Sablich. Qui sotto ecco chi potrebbe succedere al consigliere. Alcuni in lista sembrano tirarsi indietro dalla sfida. Catalano è il primo a seguire a Sablich, con 68 voti:

MoVimento 5 Stelle Ivan Catalano Consigliere Busto 3

LEGGI ANCHE: Ivan Catalano e l’addio al veleno del MoVimento 5 Stelle

POGROM E CONSIGLI – Gli attacchi non mancano. E finiscono tutti sulla bacheca dell’eletto lombardo. «Piter Puya questo è soprannominato “iBan Catal-ano”», e ancora: «Io penso anche per i cazzi miei, io ho pensato anche ai cazzi miei, io mi devo fare i cazzi miei…” No non è Razzi e nemmeno Crozza. E’ Deputato Ivan Catalano». Qui sotto una collezione a cui il deputato replica parola per parola.

guarda la gallery:

Non mancano anche i suggerimenti: «Ivan Catalano – posta lo storico attivista Davide Berti – fai il bravo, non cercare altre rogne, lascia il posto di consigliere a Busto, che ti serve farti odiare ancora di più? Sei a Roma, stai facendo un buon lavoro, accettare in comune a Busto non ti serve a nulla, se non per farti infamare… Poi fai quello che vuoi, sei grande abbastanza…». Il deputato replica ai commenti velenosi comparsi sotto lo status: «Nell’attesa che si presenti qualcuno dietro di me in lista che dice di prendere il posto in modo certo e responsabile farò del mio meglio per il lavoro a me assegnato da fare, tutto qui. Io auspico in un ripensamento di Giampaolo Sablich». Qualcuno in Lombardia però è con la bustina di Malox in mano. Eppure Catalano va avanti. Alla domanda del giornalista sulla prima mossa in un passaggio al gruppo misto in Comune replica: «Non credo. Io non ho parlato con nessuno del gruppo, però sono stato eletto con la lista Busto a 5 stelle e penso che si potrebbe continuare con quella, in autonomia dal MoVimento centrale. D’altronde il programma che porterei avanti sarebbe lo stesso con cui mi sono presentato con gli elettori. Io i principi non li ho mai cambiati».