|

Lucia Annibali: l’ex fidanzato Luca Varani condannato a 20 anni

Luca Varani, l’avvocato trentasettenne presunto mandante dell’agguato con l’acido a Lucia Annibali, e’ stato condannato a 20 anni di reclusione dal Gup di Pesaro Maurizio Di Palma, dopo una breve camera di consiglio. La sentenza e’ stata accolta da applausi.

lucia annibali 5

PROCESSO SUL CASO DI LUCIA ANNIBALI – Lucia Annibali, vittima di un’aggressione a colpi di acido che ha messo in pericolo la sua vita e le ha provocato la devastazione del volto, ha ricevuto giustizia. Il suo ex fidanzato, Luca Varani, è stato condannato a 20 anni di carcere, come aveva richiesto il pubblico ministero, per esser stato il mandato del crimine. I due esecutori assoldati da Varani, Rubin Ago Taleban e Altistin Precetaj, due cittadini di origine albanese, per compiere l’aggressione con l’acido a Lucia Annibali sono stati invece condannati ad una pena più leggera, 14 anni di reclusione. Il processo si è svolto con il rito abbreviato, ed è arrivato a conclusione dopo quattro udienze a porte chiuse nel tribunale di Pesaro. Il gup della città marchigiana, Maurizio Di Palma, ha emesso la condanna, dopo che nel corso del dibattimento di questa mattina era emerso un mistero che sembrava poter rafforzare la tesi della difesa.

LUCIA ANNIBALE CONTENTA – Lucia Annibali ha espresso felicità per la sentenza, nella conferenza stampa tenuta subito dopo la fine del processo. «Sono contenta perché penso che sia giusta questa sentenza e sono contenta per la mia famiglia. Rimane comunque una vicenda molto triste. Il mio incubo in realtà è finito un anno fa, ora vado avanti per la mia strada». Per l’Annibali la priorità è ora godersi un po’ la vita, come ha detto ai giornalisti che l’intervistavano dopo la condanna dell’ex fidanzato a 20 anni di carcere. “Nessun rancore, ora penso alla mia vita”, ha aggiunto Lucia Annibali, la donna sfregiata con l’acido e per la cui aggressione l’ex fidanzato è stato condannato a 20 anni. L’avvocatessa ha ringraziato tra gli altri anche i medici che in questi anni l’hanno curata.

APPLAUSI PER LUCIA ANNIBALI – Lucia Annibali, racconta l’agenzia Ansa, è stata salutata da molti applausi quando è uscita dall’aula del tribunale di Pesaro. Anche dopo la lettura della sentenza di condanna per Luca Varani, Rubin Ago Taleban e Altistin Precetaj si erano sentiti applausi di consenso per la pena inflitta al mandante e agli esecutori dell’aggressione. L’Annibali ottiene una giustizia circa un anno dopo l’assalto con l’acido che le ha distrutto la vita. In questi mesi è stata sottoposta a una decina di operazione che le hanno ricostruito il volto.

LUCIA ANNIBALI E L’AGGRESSIONE – Sul luogo dell’aggressione era stato ritrovato un orologio d’oro. Lucia Annibali ha negato che fosse suo, così da determinare un’iniziativa della difesa di Luca Varani. I legali dell’ex della Annibali hanno rimarcato come l’orologio dimostrasse la vera natura dell’aggressione, un furto andato a male, e non una punizione per la rottura come sostenuto dall’accusa nei confronti dell’imputato. Una tesi che però è stato subito smentita quando la stessa Lucia Annibali ha ammesso di non aver visto bene l’immagine dell’orologio. Il Gup Di Palma ha applicato la pena richiesta dalla pubblica accusa, 20 anni di carcere, per l’ex compagno dell’avvocatessa di Pesaro. I vari crimini contestati a Varani avrebbero portato ad una sanzione di 37 anni di carcere, ma visto il limite dei 30 anni, e il rito abbreviato, il Pm si è fermato alla pena che poi è stata confermata dal Gup Di Palma.