|

La ex che inguaia Pistorius: «Sparò anche mentre stava con me»

Samantha Taylor, una ex del campione sudafricano, ricorda che un Pistorius furioso sparò per sfogarsi anche durante la loro reazione.

oscar pistorius reeva steenkamp sangue 4

IL PROCESSO A PISTORIUS – Oscar Pistorius è a giudizio accusato per l’omicidio dell’allora fidanzata Reeva Steenkamp, un processo che attira la curiosità dei sudafricani a del mondo intero. Questa mattina in tribunale tra i testimoni è sfilata anche Samantha Taylor, una ex del campione, che ha raccontato come l’uomo avesse già dato segni di eccitazione violenta ai tempi della loro relazione.

LEGGI ANCHE: Cosa c’entra Apple con l’omicidio della fidanzata di Oscar Pistorius?

I PRECEDENTI – Secondo Taylor Pistorius avrebbe sparato attraverso il tetto apribile della sua auto dopo aver avuto un confronto aspro con un poliziotto che lo aveva fermato per eccesso di velocità. A fare infuriare Pistorius è stata l’iniziativa del poliziotto, che avendo notato la pistola appoggiata sul sedile l’ha presa e ne ha tolto le pallottole lasciandole sul pavimento dell’auto. Ripresa la strada, Pistorius si è molto lamentato della cosa e infine non ha trovato di meglio che esplodere un colpo attraverso il tettuccio dell’auto. Secondo la testimone Pistorius  avrebbe estratto l’arma anche in altre occasioni, come quando la puntò sul proprietario di una BMW che credeva lo stesse seguendo e un’altra quando si è svegliato di notte sentendo dei rumori. Due giorni fa un’altra testimonianza aveva ricordato di quando Pistorius ha esploso accidentalmente un colpo di pistola sotto il tavolo di un ristorante pieno e poi ha chiesto a un suo amico di prendersi la colpa. Chiaro l’intento dell’accusa di dipingerlo come una testa calda ossessionata dalle armi, ma la cosa potrebbe far gioco anche alla difesa.

LA VERSIONE DI PISTORIUS – Pistorius infatti ha asserito di aver crivellato di colpi la fidanzata che si trovava nel bagno scambiandola per un intruso. Se riconosciuto colpevole di omicidio volontario gli toccherà una condanna minima di 25 anni, mentre nel caso la corte lo ritenga responsabile di un delitto colposo la pena sarebbe molto più modesta.