|

Il 23enne con ritardo mentale abusato da un gruppo di adulti

Avrebbero abusato di una ragazzo di 23 anni il quale viveva una situazione di ritardo cognitivo, emotivo ed affettivo: quattro persone, di età compresa tra i 45 ed i 60 anni, sono state arrestate nel corso di una operazione compiuta dai carabinieri di Scalea per violenza sessuale. Gli arresti, ai quali è stata notificata una ordinanza di custodia cautelare, sono stati eseguiti a Praia a Mare e Tortora, nel cosentino, ed a Napoli.

 

abusi sessuali ragazzo ritardo 1

 

LEGGI ANCHE: L’Onu striglia il Vaticano che protegge gli autori di abusi sessuali

 

LA VENDETTA DEL PADRE – Un quinto indagato per gli abusi sessuali sul ragazzo ventitreenne del cosentino è morto nel novembre del 2013 durante l’aggressione subita da parte del padre del giovane. L’uomo, dopo aver saputo delle violenze subite dal figlio, si armò di un coltello ed entrò nell’abitazione di un uomo anziano che aveva partecipato agli abusi con le altre quattro persone arrestate stamane dai carabinieri. Mentre il padre della vittima stava per compiere l’aggressione l’anziano mor per un infarto. Il padre del ragazzo fu arrestato per minaccia, resistenza a pubblico ufficiale, violazione di domicilio e per aver cagionato con la propria condotta, quale conseguenza non voluta, la morte di altra persona. (Ansa)