|

Il catfight tra Chiara Geloni e Maria Teresa Meli sugli stipendi del Pd

La pagina Facebook di Chiara Geloni, già direttore di Youdem, televisione del Partito Democratico è diventata terreno di scontro con la collega del Corriere della Sera Maria Teresa Meli a causa di una riflessione da parte della prima sul ruolo del Partito Democratico sulla gestione dei rapporti con il Ministro dell’Economia Fabrizio Saccomanni. Ed in poche battute sono volati gli stracci.

chiara-geloni-maria-teresa-meli-catfight (1)

IL PD E LA TESTA DI SACCOMANNI – Chiara Geloni oggi pomeriggio ha pubblicato sul suo profilo Facebook una frase satitica sul Partito Democratico che, a suo dire, potrebbe chiedere la testa del ministro dell’Economia:

 salve, sono il partito del presidente del consiglio e il mio utile contributo di oggi è chiedere la testa del ministro dell’economia

L’ATTACCO DI MARIA TERESA MELI – La discussione prosegue serena fino a quando Maria Teresa Meli entra diretta nell’argomento chiedendo alla Geloni se riceve ancora lo stipendio dal Pd o se si è dimessa, in un moto di dignità:

Salve, hai ancora lo stipendio dal partito del presidente del consiglio o in una botta di dignitá ti sei dimessa?

LA QUESTIONE STIPENDI – E non paga di ciò rincara la dose, rispondendo a chi non capisce:

Argomenti de che? Sono affari vostri. Devo scrivere un pezzo e chiedevo direttamente all’interessata, onde evitare equivoci o fraintendimenti lo facevo pubblicamente . Le manderó un sms per sapere se prende ancora i soldi da direttore di youdem e se li prende per entrambe le voci in cui era suddivisa la sua remunerazione, scusate intrusione

riferendo delle modalità di retribuzione della Geloni. E continuando, Maria Teresa Meli difende il proprio comportamento spiegando che cerca verità per coloro che nel Pd nonostante la loro attività non sono pagati:

Mi occupo di quei poveracci che prendono un terzo e hanno paura di non prendere più niente. Quei poveracci che lavorano al pd, intendo, e che non hanno voglia né tempo di scrivere come noi cazzate su fb . Capisco che vi turba ma ne conosco quasi la metà e so quello che pensano

ribadendo poco dopo la sua posizione:

Te lo spiego meglio perché tu vieni dalla dc e non conosci certe cose. Molte di quelle persone che lavorano al pd e che guadagnano un terzo di quanto guadagni tu, lavoravano gratis per le feste dell’unità etc etc. Loro non possono parlare, non contano un cz e forse rischiano anche il loro posto di lavoro. Capito così ? Devo essere più chiara? Molla l’osso chiara che é più dignitoso

 

LEGGI ANCHE: Le deputate Pd contro Chiara Geloni di Youdem

 

LA RISPOSTA DELLA GELONI – La sequela di battute ha scatenato la risposta della Geloni che improvvisamente potrebbe entrare nel novero delle persone di cui si occupa Maria Teresa Meli, visto che non è più pagata dal Pd dallo scorso 31 ottobre:

cara Maria Teresa Meli se hai bisogno di sapere qualcosa puoi tranquillamente chiamarmi come farebbe qualunque tuo collega. inoltre se fossi una persona educata – come altri nostri colleghi – eviteresti certamente di permetterti battute e riferimenti alla mia dignità.l ciò detto, visto che io invece sono una persona educata e non ho niente da nascondere, eccoti la mia risposta: non percepisco più alcuno stipendio né dal pd né da youdem dallo scorso 31 ottobre 2013. spero di leggere questa risposta, riportata con la dovuta esattezza, nel tuo pezzo sul corriere della sera di domani. tanti cari saluti.

chiara-geloni-maria-teresa-meli-catfight (10)

LE ILLAZIONI – Infine un utente, citando un’articolo comparso sul Corriere della Sera, si chiede se la Meli punti a prendere il posto della Geloni alla direzione di Youdem:

Devo dire che Maria Teresa ha un altissimo contenuto di acido “melico” … forse si aspetta che il Matteo, da lei difeso stamane dalla tremenda accusa di essere democristiano, le offra il posto di Chiara? VEstaLINA del nuovo che avanza del PD?

Per la cronaca, ecco l’articolo in questione:

chiara-geloni-maria-teresa-meli-catfight (7)

 

SI SCHERZA – Maria Teresa Meli ha smentito l’articolo che dovrà scrivere spiegando che è tutto uno scherzo, ma diciamo che non le hanno creduto in molti:

Aspettiamo domani mattina per sicurezza.