|

Vuoi vedere come si fa una rissa su Wikipedia?

Chi avrà ragione? Su Wikipedia una pagina dedicata ad una delle locomotive prodotte da Bombardier e destinate al servizio da parte delle Ferrovie dello Stato, la E412, oggetto di attenzione da parte degli appassionati per via dello scontro da parte di curatori e moderatori, con il risultato che la voce in questione è ricca più di riflessioni e considerazioni personali piuttosto che di nozioni tecniche.

rissa-wikipedia-locomotiva-e412 (1)

LE SEGNALAZIONI – Il risultato è che quasi tutta la pagina è coperta da un segno rosa che copre le righe ritenute inesatte con al fianco un chiarimento che appare a dir poco diretto. Ad esempio, la pagina recita: «20 unità sono stati acquistati da Trenitalia», ed ecco che a fianco compare la scritta: «non chiaro». Subito dopo viene segnata un’altra frase: «nell’ambito di un progetto di costruzione di una rete di trasporto integrata tra Italia, Austria e Germania», ed a fianco la nota: «Ma anche no: non furono acquistate nell’ambito di nesusn “progetto”». Ed ancora si prosegue con un’altra nota. Alla frase: «rendendo di fatto il loro utilizzo potenzialmente estensibile ad ogni linea europea con l’eccezione delle linee ad alta velocità» si risponde così: «Errore madornale: si ignora completamente l’esistenza della rete convenzionale elettrificata a 25 kV 50 Hz, larghissimamente diffusa in Europa».

 

LE ALTRE CORREZIONI – L’articolo va avanti così con una serie di note all’attacco dell’articolo principale. Ad esempio, la frase: «Nel 1997 sono state condotte delle prove in linea per l’utilizzo sulle linee svizzere, concluse però in un fallimento non tanto per carenze tecniche quanto per la rottura degli accordi commerciali tra Trenitalia-Divisione Cargo e la divisione Logistica delle FFS», che ottiene come risposta:

Notizie diverse messe assieme a casaccio alterando la realtà. Nel 1997 la E.412.002 fu trasferita dallo stabilimento ADtranz di Vado Ligure allo stabilimento svizzero ADtranz di Tramont per la messa a punto sotto la linea aerea a 15.000 V. Le prove del sistema di trazione furono positive e non ci fu alcun fallimento. L’accordo commerciale del 1999 tra FS (non Trenitalia che non esisteva ancora) e FFS, naufragato in seguito al cambio societario delle FS, non ebbe nulla a che fare con le E.412, se non per la scritta pubblicitaria FS-FFS “Partners for your goods” apposta sulle fiancate dell’E.412.013.

Il censore di questa pagina ha spiegato così la sua attività:

La voce pare non tenere minimamente conto dell’ampia bibliografia a disposizione sull’argomento. Oltre a contenere notizie errate, imprecisioni ed errori anche gravi, trascura quasi totalmente gli aspetti innovativi della locomotiva, presentando invece tecniche note da molti decenni come “innovazioni tecniche assolutamente inedite” o “avanzate concezioni di recupero energetico”.

LA DISCUSSIONE – Certamente ad un occhio disattento ci si potrebbe chiedere perché non è stata corretta la pagina. Leggendo nella discussione si capisce che chi ha scritto le note, anche se non si capisce chi sia, ha voluto correggere anche se necessiterà di tempo per cambiare la voce. Tuttavia la discussione in questione si è conclusa il tre settembre ed oggi, dopo tre mesi, la voce non è ancora stata modificata ma resta ancora lì con le note.

 

LEGGI ANCHE: La figuraccia di Reuters all’ONU

 

 

IL CONFRONTO CON LA VERSIONE INGLESE – Da segnalare come nella pagina in inglese le cose siano leggermente diverse. A partire dalla mancanza di note e di chiarimenti, si dice che Trenitalia acquistò 28 vetture, mentre nella versione italiana veniva criticato il passo in cui si parlava di 20 mezzi. Ed ancora, si parla di un processo teso ad unificare Italia, Svizzera, Austria e Germania. Errato invece il passo in cui si parla d’impiego sull’Alta Velocità visto che sulla pagina inglese si parla dell’esatto contrario, dando quindi ragione a chi ha segnalato l’errore. Segno che è necessario lavorarci su per fornire un servizio chiaro. Più che altro ci si chiede se è sensato lasciare queste note a bella vista da molti mesi.