|

La super tempesta di neve che ha imbiancato gli Stati Uniti

Da ieri sera la neve ha cominciato a cadere su New York, così come ad Albany, la capitale dello stato della Grande Mela e a Jersey City, ma anche più a ovest, su città come Chicago e Indianapolis.

Chicago
Chicago

LA TEMPESTA HERCULES – Tutti gli stati del nord e nord-est degli Stati Uniti e le relative città, sono ricoperti di neve: si tratta di Hercules, una eccezionale tempesta di neve che sta creando non pochi disagi ai trasporti sia via terra che via aria. Lo stato di New York ha dichiarato lo stato di emergenza e molti aeroporti sono stati chiusi.

Guarda le foto:

MEZZO METRO DI NEVE – Si tratta di una conclusione logisticamente molto complicata delle festività natalizie che hanno messo in viaggio milioni di cittadini statunitensi in tutto il paese e che proprio in queste ore starebbero facendo ritorno a casa per riprendere l’attività lavorativa a partire da lunedì. Cosa non semplice, dal momento che molte strade e autostrade del Midwest e del New England sono state chiuse perché rese impraticabili dalla neve e dai forti venti che stanno imperversando da giovedì sera. Il  National Weather Service, riporta USA Today, ha annunciato che nelle zone periferiche di Boston sono caduti oltre 50 centimetri di neve. Lo stesso è successo in alcune zone dello stato di New York, coperto da una coltre bianca spessa quasi mezzo metro.

TRAFFICO AEREO PARALIZZATO – Fin da giovedì sera la situazione è apparsa critica, sopratutto per quanto riguarda il traffico aereo: migliaia di voli avrebbero subito pesanti ritardi o cancellazioni a causa delle condizioni meteo avverse. L’aeroporto di Chicago O’Hare ha cancellato 842 voli solo nella giornata di ieri, quello di  Newark Liberty, 425; e l’aeroporto Logan di Boston, 339. A New York, uno degli hub più importati degli Stati Uniti e del mondo intero sono rimasti a terra più di 540 aerei, di cui 265 solo al LaGuardia, mentre le strade della Grande Mela erano alle prese con uno strato di neve spesso abbastanza da trasformare la città.

 

«NON METTETEVI IN VIAGGIO» – Il governatore dello stato di New York, Andrew Cuomo, ha dichiarato lo stato di emergenza in tutto lo stato e, su Twitter, ha annunciato anche la chiusura della Long Island Expressway dalla mezzanotte di giovedì alle cinque di venerdì mattina. «Non vogliamo che le persone si mettano in macchina» – ha detto Cuomo in un’intervista telefonica, riportata da IB Times, raccomandando ai cittadini che vivono nello stato di evitare di muoversi dalle proprie abitazioni, rischiando di rimanere bloccati nella tempesta a bordo dei propri veicoli.

(Photocredit: LaPresse)