La minaccia di Red Ronnie: “Se vince Pisapia me ne vado da Milano”

Per il conduttore televisivo, collaboratore della Moratti, il candidato del centrosinistra è “espressione di una sinistra gentile che sa essere...

Per il conduttore televisivo, collaboratore della Moratti, il candidato del centrosinistra è “espressione di una sinistra gentile che sa essere violenta”

“Se vince Pisapia me ne vado da Milano, in ogni caso ci pensano loro a farmi fuori”. Lo ha detto, all’Adnkronos, Red Ronnie, collaboratore di Letizia Moratti, commentando lo scenario politico milanese. Red Ronnie, tra i curatori della comunicazione della campagna elettorale per il sindaco uscente, e’ finito al centro delle polemiche per un post sul suo profilo di Facebook.

PERICOLO PISAPIA - Tutto e’ iniziato con un post sul profilo di Facebook di Red Ronnie, in cui il collaboratore del sindaco Moratti scriveva: “Primo esempio del vento che sta cambiando a Milano, cancellato LiveMi di sabato 21 maggio”, aggiungendo che se Pisapia verra’ eletto sindaco la manifestazione musicale, promossa dall’attuale amministrazione, verra’ cancellata. Il post ha scatenato la reazione dei sostenitori del candidato del centrosinistra, che hanno riempito il profilo di Red Ronnie con centinaia di critiche. “Molte erano offensive- spiega il presentatore- e le ho cancellate, poi sono diventate troppe e non riesco piu’ a eliminarle”. Il presentatore sottolinea che il post “non voleva essere un attacco, ma un mi dispiace”.

LA SINISTRA GENTILE, MA VIOLENTA -  In ogni caso Red Ronnie e’ convinto che la cancellazione della data di LiveMi del 21 dipenda da una volonta’ politica. “Se la Moratti- dice- fosse stata in vantaggio o avesse vinto, avremmo fatto Livemi”. Secondo il collaboratore del Comune, c’e’ “il terrore di fare qualcosa che possa scontentare il nuovo padrone di Milano”. Con questa espressione Red Ronnie si riferisce al candidato sindaco Giuliano Pisapia, che “e’ espressione- afferma – di una sinistra gentile, che pero’ sa essere violenta”. A questo proposito Red Ronnie accomuna i fischi al sindaco Moratti, l’attacco al suo profilo Facebook e l’occupazione della palazzina in via del Sarto, interpretandoli come sintomi di un clima di violenza proveniente da sinistra.

(Adnkronos)