|

Lo scandalo degli sms shock di Britney Spears che diventano virali

Britney Spears, 32 anni appena compiuti, milioni di dischi venduti e un nuovo album appena pubblicato, soltanto qualche giorno fa è apparsa raggiante allo show in suo onore del Planet Hollywood di Las Vegas. Eppure, nell’orizzonte, apparentemente tornato sereno della reginetta del pop ci sarebbe ancora qualche nuvola scura.

Britney Spears

QUEGLI STRANI SMS DI BRITNEY – È Radar a riprendere la notizia: Sam Lutfi, ex confidente e sedicente manager di Britney, ha spifferato alcuni sms scritti dalla cantante, messaggi che conterrebbero scioccanti dichiarazioni e anche qualche accusa che la Spears avrebbe rivolto ai suoi genitori.

Guarda le foto:

«MI SENTO COSÌ TRISTE E PERSA» – Si tratta per lo più di messaggi di difficile interpretazione di cui però è facilmente intuibile il senso generale: Britney, che solo qualche anno fa cantava di «non essere più una bambina ma non ancora una donna» si lamenterebbe dell’eccessiva durezza del padre e di quanto fosse difficile la sua vita sotto la tutela del genitore, nel periodo in cui perse l’uso dei propri beni a causa delle sue preoccupanti condizioni psico-fisiche. «È così cattivo – si legge in uno dei messaggi pubblicati da Lutfi – Non posso credere che possano avermi ferita così. Io non credo in niente, ma il mio cuore si sente meglio quando parlo con te. Mio padre legge ogni cosa, mi mancano i miei bambini e ho davvero tanta paura che non li rivedrò mai più». E ancora: «A loro non interessa nulla di me, vogliono solo i miei soldi e i miei bambini – scriveva Britney – Mi hanno rubato la voce e segnata per la vita. Non dimenticherò mai quando hanno messo sotto controllo il mio telefono, odio la mia vita… […] Vi hanno raccontato un sacco di storie con tutti questi avidi avvocati…”. E l’ex principessina del pop tira in ballo anche l’ex fidanzato, Jason Travick, «Jason è l’unica persona con cui posso parlare, perché io gli piaccio ma io non sento la stessa cosa, ma lui è bravo con i miei bambini. Sono tanto triste, mi sento così persa».

LE POLEMICHE SUI MESSAGGI – Qualcuno ha messo in dubbio la veridicità dei messaggi pubblicati, ma Lutfi ha replicato sdegnato sostenendo che si tratta di messaggi autentici risalenti al periodo nero della cantante, tra il 2007 e il 2008, dopo la sua crisi in seguito alla nascita del suo secondo figlio e il ricovero coatto in ospedale. Non è la prima volta che Sam Lutfi balza agli onori delle cronache, comunque: un paio d’anni fa la famiglia della cantante lo diffidò, accusandolo di aver circuito e plagiato la cantante, in un periodo molto delicato della sua vita.

Noi la pensiamo così:

(Photocredit: Getty Images)