|

Che fine hanno fatto le ex Veline

Le veline sono finite sui trattati di sociologia e rappresentano un fenomeno affascinante e controverso. Diventare la ragazza immagine di Striscia la Notizia è infatti il sogno di migliaia di bambine e adolescenti. Ma anche il sogno spesso vive il suo tramonto. La trasmissione di ItaliaUno Lucignolo 2.0 con un’intervista di Enrico Ruggeri racconta il successo di Alessia Reato e Costanza Caracciolo, diventate veline all’età di 21 e 18 anni, e la loro nuova vita abbandono del tg satirico di Canale 5.

 

ex veline 4

 

RECITAZIONE E TV – Ci si rimane male dopo l’addio alla piccola passerella e, quindi, alla massima notorietà? «Sì» è la risposta secca di Costanza. Che spiega: «Dopo 4 anni si era creato un clima estremamente familiare. Fai un bel mestiere perché ti piace. Sei sempre impegnata tutti i giorni. Sapere che da fine giugno non sei più velina e sarai sostituita… ti dici: ‘Oddio’…». «E’ una famiglia davvero», aggiunge Alessia. Diventa un marchio dunque essere stata velina? «Assolutamente sì», dice Costanza. «Adesso sto studiando recitazione e spesso e volentieri ad un seminario altri ragazzi li sento parlare… ‘Ma dove vuole andare? Comunque ha fatto la velina…’. Io metto la stessa costanza che metto altri ragazzi che non sono diventati velina. Le persone sono differenti dai ruoli che interpretano». «Io voglio fare tivvù. Essere velina non è un punto di arriva. E’ un punto di partenza, è il punto di partenza maggiore per una ragazza italiana di 20 anni».

 

 

UNIVERSITÀ – «Noi – racconta Alessia – siamo comunque contentissime di aver fatto le Veline. Ho vinto un concorso con tantissime ragazze. Mi posso ritenere più che soddisfatta e orgogliosa di questo. Sono contentissima di quello che è stato e mi rendo conto che è solamente un punto di partenza per andare avanti e far vedere quanto carattere, talento e grinta c’è. Striscia è una famiglia, ti discpiace molto averla lasciata. Noi torniamo spessissimo tutte a salutare i nostri ‘genitori’, chiamiamoli così». E il flusso non velina, velina, non velina…? «Il flusso – racconta Costanza – è cambiato. Da quando ero studentessa giù in Sicilia, sono arrivata a Milano, sono diventata famosa. L’ho fatto per 4 anni.Poi da una vita super impegnativa mi sono ritrova con molto tempo libero, ma ne ho approfittato per studiare. Mi sono iscritta all’università per tappare tutti i buchi… abbiamo voglia di fare».

(Photocredit: Lucignolo 2.0 / Mediaset)