|

I calabroni killer uccidono ancora

E’ salito a 41 il numero delle vittime dei calabroni killer che nelle ultime settimane si sono resi protagonisti di attacchi nella Cina meridionale. Le autorità della provincia dello Shaanxi sostengono che complessivamente sono inoltre 1.600 le persone ferite, alcune centinaia delle quali colpite da shock anafilattico o insufficienza renale. Gli insetti giganti, conosciuti con il nome scientifico di vespa mandarinia, circa 5 centimetri di lunghezza con apertura alare di 7, colpiscono con un pungiglione di 6 millimetri iniettando un potente veleno.

 

calabrone killer vespa mandarinia 2

 

LE POSSIBILI CAUSE – Nella sola città di Ankang fino ad ora sarebbero state uccise dai calabroni killer 19 persone, altre 22 invece in due vicine città. Tra i feriti, intanto, almeno 37 persone sono ricoverate in ospedale in condizioni critiche. L’emergenza ha costretto il governo alla creazione di apposite squadre di medici specialisti per l’assistenza dei feriti. Secondo gli esperti gli insetti killer diventano maggiormente aggressivi nei periodi di accoppiamento o di migrazione, a settembre e ottobre. Ma, stando a quanto fanno sapere i funzionari locali cinesi, anche il clima più secco e le temperature più elevate di quest’anno potrebbero aver sensibilmente favorito gli attacchi. La vespa mandarinia, nativa dell’Asia orientale temperata e tropicale, è considerata in assoluto il calabrone più grande del mondo e può pungere più volte senza morire. Il veleno iniettato dall’insetto è in grado di danneggiare i tessuti, causare dolore e attrarre più calabroni sulla vittima.

(Fonte foto: Wikipedia)