“Mi piacciono le foto di bambini nudi”

Dalla Francia uno studio psicologico del pedofilo medio. Chiusi nelle carceri francesi, i pedofili d’oltralpe hanno accettato di aprirsi con...

Dalla Francia uno studio psicologico del pedofilo medio.

Chiusi nelle carceri francesi, i pedofili d’oltralpe hanno accettato di aprirsi con Rue89, la rivista online fondata dai giornalisti di Liberation. E così, fra commedie umane e miserie quotidiane, esce lo spaccato del pedofilo medio, del tipo psicologico che prova un amore compulsivo e irrefrenabile verso i minori di età.

TIPO CONSOLIDATO – Quando viene arrestato un ventenne per detenzione di materiale pedopornografico, è l’eccezione che conferma la regola. Perchè gli avvocati specializzati in minorile hanno ormai in testa un profilo molto chiaro del soggetto che è potenzialmente pronto ad avviarsi sulla strada della pedofilia.

Uomini che lavorano spesso nell’area dell’infanzia: insegnanti, presidi, istitutori. Qualcuno vive dentro una miseria sociale ed affettiva terribile, senza aver mai lasciato la propria madre. Poveri cristi che fanno quasi pena. Altri vivono in contesti sociali molto agiati.

Il desiderio è la molla. Il desiderio di vedere “bambini nudi, o che subiscono sevizie”. Michel, professore 52enne, racconta così il proprio reato.

Avevo il desiderio di guardare bambini nudi, che combattevo tutti i giorni. Avevo un forte conflitto interno. A volte vincevo, a volte perdevo. Trovavo un piacere che andava oltre la paura della polizia. Guardavo le immagini nei momenti di solitudine e depressione. I cattivi pensieri tornavano. Il fatto di vedere le immagini era sufficiente, e potevo riprendere le mie attività normali.

Il desiderio è ossessivo, “compulsivo”, dicono gli psicologi.