“L’omeopatia? Per i bambini può essere pericolosa”

Un nuovo studio rivela che la “medicina alternativa”  può essere pericolosa per i più giovani e persino rivelarsi fatale se...

Un nuovo studio rivela che la “medicina alternativa”  può essere pericolosa per i più giovani e persino rivelarsi fatale se usata al posto delle terapie convenzionali

Le medicine alternative e i prodotti omeopatici possono essere pericolosi per i bambini e anche rivelarsi fatali se vengono assunte al posto dei farmaci convenzionali. E’ quanto riporta il sito web della Bbc che cita uno studio condotto da un equipe di ricercatori australiani del Royal Children Hospital di Melbourne, che ha verificato ben 39 casi accaduti tra il 2001 e il 2003, e pubblicato uno studio sulla rivista “Archive of Disease in Childhood”. In particolare, i ricercatori hanno riscontato quanto fosse erroneo il comportamento di certi che i genitori convinti che i rimedi alternativi siano “piu’ naturali” e quindi con minori effetti collaterali rispetto ai tradizionali farmaci  convenzionali.  In quasi due casi su tre, cita il rapporto, gli “effetti collaterali di questi trattamenti non ortodossi sono stati gravi se non addirittura fatali”.

QUANDO ESSERE ALTERNATIVO E’ PERICOLOSO - In 30 casi le complicazioni sono “probabilmente o definitivamente” dovute all’uso di medicine complementari e in 17 casi i pazienti sono stati danneggiati dal non aver assunto un farmaco tradizionale. Queste le drastiche conclusioni dello studio australiano. Tra gli esempi riportati, il caso di un bambino di 8 mesi, morto “di malnutrizione e shock settico per essere stato alimentato solo con latte di riso dall’età’ di tre mesi per “curare” – scriviamolo da qualche milione di virgolette -  una congestione”. “Un’altra vittima fu un bimbo di 10 mesi ricoverato con shock settico dopo essere stato curato per un eczema cronico con medicine omeopatiche e una dieta severa”, riportano gli autori dello studio, secondo cui “molti dei decessi sono dovuti al mancato uso di medicine convenzionali, per la “fede” riposta dalle  famiglie nelle medicine alternative e la loro determinazione, che sfiora la cocciutaggine, ad usarle malgrado i consigli medici”. I ricercatori dicono che a volte i genitori pensano che i rimedi “più naturali” presentano minori effetti collaterali rispetto ai farmaci convenzionali. Ma in quasi due terzi dei casi gli effetti collaterali sono stati classificati come gravi o addirittura fatali.