|

Ecco perché siamo monogami

Perché gli uomini tendono a legarsi per tutta la vita ad una sola persona? E’ a questa domanda che cerca di fornire risposta uno studio sulla monogamia realizzato da alcuni ricercatori dell’University College di Londra. “In un certo modo gli uomini si sono ritrovati nella monogamia, è il modo predominante di vivere”, ha affermato l’antropologo Christopher Opie. Quella che stiamo vivendo è “una progressiva affermazione della monogamia”, dicono gli esperti. Che maschi e femmine si uniscono senza abbandonarsi è tanto vero quanto vario. Circa il 90% degli uccelli vivono in coppia, ma meno del 3% dei mammiferi lo fa. Gli umani e gli altri primati cadono nel mezzo, con solo un quarto delle specie che si accoppia.

 

MONOGAMIA 2

 

LE TRE RAGIONI DELLA MONOGAMIA – Dunque – si chiedono gli studiosi – cosa conduce alcune specie alla monogamia? Le spiegazioni trovate sono sostanzialmente tre. Secondo una prima teoria quando la prole è esigente, due genitori sono meglio che uno. Stando ad una seconda tesi, invece, i maschi hanno bisogno di stare vicino alle loro compagne per scongiurare i maschi rivali. Infine, terza soluzione: i maschi seguono rigorosamente le femmine per difendere la loro prole dalla violenza di altri maschi che potrebbero uccidere la prole, in modo da renderla nuovamente fertile.

PRIMA L’INFANTICIDIO POI LA MONOGAMIA – Per scoprire perché nel corso di milioni di anni le specie animali si sono avvicinate alla monogamia, gli studiosi hanno analizzato un albero genealogico di 230 animali tra cui scimmie ed essere umani, ed anche le molteplici informazioni raccolte sul comportamento relativo all’accoppiamento, sui tassi di infanticidio e sulla cura paterna. I ricercatori hanno poi evidenziato come i fattori si sono modificati nel coro degli ultimi 75 milioni di anni fino ai giorni nostri, scoprendo che mentre la monogamia saliva in alcune specie, in altre lo stesso fattore si rilevava meno importante. Infine, un dato particolare. Gli studiosi hanno scoperto che la monogamia è preceduta nella storia da un solo fattore: l’infanticidio.