|

I preti gay che si conoscono in chat

“Mi chiamo Luca, vengo da Milano e e vorrei conoscere un prete con con il quale iniziare una frequentazione seria”, oppure “Ciao, sono un prete di 35 anni in cerca di amicizia con altri preti e seminaristi gay” e ancora “Sono un prete italiano di 45 anni e ho una predilezione per gli uomini di colore, Mi farebbe molto piacere entrare in contatto con un prete con la pelle scura”. Sono solo alcuni degli annunci pubblicati sul sito “Venerabilis”, che si rivolge a quelle pecorelle con le quali il Vaticano non vorrebbe avere nulla a che fare: i cattolici e i preti gay.

sito gay vaticano

IL SITO – Il sito esiste già dal 2007, ma solo in questi giorni è stato portato all’attenzione generale da parte del famoso vaticanista Vittorio Messori. E’ dotato di 5 diverse chat per 5 diverse lingue, i post degli italiani sono quelli più numerosi “Buon giorno, sono un uomo di 67 anni e ho avuto amicizie con preti che sono state molto importanti per la mia vita privata, spirituale e sessuale, ovrrei essere contattato da un prete a Roma per ripetere questa esperienza”

IL PUNTO D’INCONTRO – Recentemente è possibile incontrarsi anche di persona e non solo virtualmente. La fratellanza dei preti gay offre un punto d’incontro, dove i preti omosessuali possono conoscersi liberamente e senza correre rischi: è la famosissima libreria Feltrinelli in Largo Argentina, al bar o nella sezione filosofia tra le 18 e le 20. Gli studenti e i seminaristi dell’università Gregoriana e dell’università Domenicana si trovano nello stesso posto tra le 11 e le 12. Sul sito inoltre sono frequenti anche messaggi da parte di preti cattolici ultra-tradizionalisti, per esempio un francese 26 enne Lefebvriano scrive: “Giovane prete della comunità Pio X che non riesce ad accettare la propria omessualità cerca altri preti o tradizionalisti che abbiano lo stesso problema con cui confrontarsi”