Dell’Utri, la sentenza: “Era il mediatore tra la mafia e Berlusconi”

19/11/2010 - di

I giudici della Corte di Appello di Palermo spiegano il perchè della condanna del senatore PdL Il senatore Marcello Dell’Utri avrebbe svolto una attivita’ di ‘mediazione’ e si sarebbe posto quindi come ‘specifico canale di collegamento‘ tra Cosa nostra e

I giudici della Corte di Appello di Palermo spiegano il perchè della condanna del senatore PdL

Il senatore Marcello Dell’Utri avrebbe svolto una attivita’ di ‘mediazione’ e si sarebbe posto quindi come ‘specifico canale di collegamento‘ tra Cosa nostra e Silvio Berlusconi. Lo scrivono i giudici della Corte d’Appello di Palermo nelle motivazioni, depositate oggi e in possesso dell’ANSA, della sentenza con la quale Dell’Utri e’ stato condannato il 29 giugno scorso a sette anni di reclusione per concorso esterno in associazione mafiosa.

SETTE ANNI DI RECLUSIONE – Sono 641 le pagine depositate in cancelleria dai giudici. Spiegano il perche’ della condanna di cinque mesi fa. Il parlamentare e’ stato condannato per i fatti avvenuti fino al 1992 e assolto per quelli successivi. Il collegio presieduto da Claudio Dall’Acqua, a latere Sergio La Commare e il relatore Salvatore Barresi, gli hanno ridotto la pena dai nove anni subiti in primo grado a sette anni.

AGGANCIO’ BERLUSCONI – Per i giudici, Dell’Utri ‘ha apportato un consapevole e valido contributo al consolidamento e al rafforzamento del sodalizio mafioso‘. In particolare, l’imputato avrebbe inoltre consentito ai boss di ‘agganciare‘ per molti anni Berlusconi, ‘una delle piu’ promettenti realta’ imprenditoriali di quel periodo che di li’ a qualche anno sarebbe diventata un vero e proprio impero finanziario ed economico‘. Per questi motivi la Corte ritiene ‘certamente configurabile a carico di Dell’Utri il contestato reato associativo‘. Per i giudici il mafioso Vittorio Mangano fu assunto, su intervento di Dell’Utri, come ‘stalliere‘ nella villa di Arcore non tanto per accudire i cavalli ma per garantire l’incolumità di Silvio Berlusconi.

21 Commenti

  1. me^^ scrive:

    O_O
    con questa motivazione se lo tira dietro ^___^
    pronti alla nuova legge che elimina sia l’associazione mafiosa che qualsiasi reato che abbia a che fare (meglio fare tutto un pacco non si sa mai^^…la premessa: la mafia non esiste!^__^)

  2. Zamax scrive:

    Dunque, anche a dar credito a questa sentenza, nel peggiore dei casi Dell’Utri è stato assolto per i fatti successi dopo il 1992, ossia per tutto il periodo dell’ascesa e della carriera politica di Berlusconi.
    E viene condannato perché essendo Berlusconi minacciato dalla mafia, dalla quale temeva il rapimento dei figli negli anni settanta, l’epoca dei rapimenti a scopo di riscatto, il Mangano Vittorio sarebbe stato ingaggiato (per qualche mese?) da Dell’Utri come “avvocato” del Berlusca.

    Questo nel peggiore dei casi. Senza minimamente provare in cosa consistesse concretamente questa attività di mediazione.

    • Mirko scrive:

      Ma in fondo chissene, eh?
      Tanto è stato comprovato che anche Andreotti fosse stato in contatto con la mafia almeno fino al 1989, ed è stato nostro presdelcons piuttosto a lungo, e come vediamo tutto va bene.

      Alla via così, verso nuove avventure.

    • Z scrive:

      Zamarion, se pure Berlusconi t’infilasse la canna di un M16 su per il culo e ti ci scaricasse dentro tutto il caricatore, tu attribuiresti il tuo disagio intestinale alle cozze mangiate la sera precedente.
      Quanto devi strisciare ancora prima che ti pruda il ventre?

      Ma tu e le tue visioni decerebrate m’interessate poco, è a D’Amato che voglio rivolgere una domanda molto semplice: qual è secondo te, D’Amato, la differenza tra un editoriale e una fiction?
      Per essere più precisi: che differenza sostanziale intercorre tra i rettiliani, le scie chimiche e un editoriale di Zamarion?
      Quanti specchi riuscirai a risalire per rispondere a questa domanda?

      • Zamax scrive:

        Il fatto è, ragazzi miei, che questa “condanna”, pur di condannare Dell’Utri in qualche cosa, si attacca ai teoremi e alle suggestioni, senza avere in mano niente di concreto. Ma è appunto per questo che è nato, grazie alla creatività dei giudici, e non dei legislatori, il “concorso esterno in associazione mafiosa”.

    • Er Trojo scrive:

      Zamax, prova con una pomatina a base di vaselina, vedrai che scivola meglio…

      • Zamax scrive:

        Mi fate ridere. Un po’ mi fate pena. Perchè invece non fate un po’ di satrira vera sulle cose incredibili che accadono in Italia? Per quella magari ci vogliono le palle, evidentemente… altro che Dandini & C. Scrive la Corte:

        «Una mediazione» tra i boss e l’attuale presidente del Consiglio che durò per due decenni, con la quale avrebbe consentito «all’associazione mafiosa, con piena coscienza e volontà, di perpetrare un’intensa attività estorsiva ai danni del facoltoso imprenditore milanese imponendogli sistematicamente il pagamento di ingenti somme di denaro in cambio di “protezione” personale e familiare».

        Questo il frutto della mediazione. L’aiuto mafioso di Dell’Utri a Berlusconi. Da morire dal ridere.

        Ma il gregge di sinistra non ride. Sempre fedele alla linea. Magari ne rideremo fra qualche anno, e qualcuno si vergognerà.

        • Corsaro rosso scrive:

          Per ora dovresti cominciare a vergognarti tu, visto sostieni questa gentaglia. Una persona “normale” non chiede la mediazione alla mafia tramite il suo braccio destro (quello che fondò il suo partito), assumendo nel contempo un mafioso alle proprie dipendenze. Che legittimità può avere se lo stesso addirittura diventa poi presidente del consiglio? O pensi che dal 1994, Zilvio si sia dimenticato dei suoi protettori? Queste cose non succedono manco in Colombia, ma almeno lì per dimenticare mangiano foglie di coca, mentre qui, quelli come te che lo sostengono ancora è facile immaginare cosa mangiano.

        • Z scrive:

          Zamax sei tu che fai ridere.
          Forse non ti rendi conto che un sistema istituzionale è basato su equilibri strutturati e strutturali sedimentati nel tempo e nel percorso culturale, storico, politico, giuridico di una determinata realtà. Ora non mi è ben chiaro quale nodo istituzionale tu rifiuti, ma una cosa è certa: determinate relazioni sono valide in quanto universalmente accettate e quindi oggettive in quanto intersoggettive. A questo punto non mi è chiaro per quale motivo una qualsiasi legge dello Stato o una qualsiasi prassi interpretativa dovrebbe essere accettata da qualunque cittadino dal momento che l’istituzione preposta viene delegittimata. Sia essa la magistratura o il parlamento.
          I giudici sparano cazzate?
          Bene, allora pretendo di sottrarmi al loro giudizio.
          Le leggi emanate dal parlamento sono un ammasso di stronzate?
          Bene, allora non mi ritengo soggetto a tali leggi.
          Se viviamo in uno Stato di diritto moderno, spiegami per quale motivo dovrei sentirmi soggetto alla sua potestà quando qualcun altro rivendica il privilegio di esserne esente.

          Credo di essermi dilungato sin troppo in ovvietà autoevidenti.

          Permane la domanda a D’Amato alla quale non è ancora stata data una risposta.
          D’Amato: Zamarion scrive telenovelas, questo è un sito dove si pubblicano telenovelas?
          Qual è la tua linea editoriale?

          • Gregorj scrive:

            Permane la domanda a D’Amato alla quale non è ancora stata data una risposta.
            D’Amato: Zamarion scrive telenovelas, questo è un sito dove si pubblicano telenovelas?
            Qual è la tua linea editoriale?

            La mia linea editoriale è: preferisco Zamarion, che stimo e apprezzo come commentatore, visto che è capace di mostrarmi lati sconosciuti o poco conosciuti di molte questioni, e a farmi riflettere sulla bontà dei miei argomenti, a qualsiasi cagata tu scriva. Ma proprio qualsiasi, anche “oggi è una bella giornata”. Ma non te l’avevo già detto?

    • Gianfranco scrive:

      Caro cialtrone, nel caso fosse vero che il tuo padrone B. fosse minacciato dalla mafia (ma anche questo sarebbe da dimostrare no?) un cittadino “normale” si sarebbe rivolto alla polizia, ma lui no…. che diamine lui ha i ciarlatani Dell’Utri e Zamax che gli risolvono i problemi!

      • Zamax scrive:

        Caro intelligentone, Dell’Utri era tanto amico del Berlusca da “aiutare” la mafia a spennarlo alla grande: questo, in mancanza di altre fanfaronate meno incredibili, dicono i giudici. E il Berlusca – proprio lui! – pagava per farsi abbindolare dalla Mafia e da Dell’Utri insieme.
        Ma tu fa finta di niente, bravo.
        Ma svegliatevi, va’, che sarebbe ora.

        • Gianfranco scrive:

          Quindi, cialtrone che non sei altro, sostieni che non vi era nssun pericolo per B. e famigliari, che ha sempre fatto quel che cazzo ha voluto (su questo non ci sono dubbi). Che non c’è stata nessuna trattativa e che lo stalliere era un ottimo lavoratore del letame, arrivato appositamente dal sud per spalare la merda dei cavalli del silvio (ma sa cavalcare solo cavalle o anch stalloni?)
          COGLIONE TU! PENNIVENDOLO PREZZOLATO!

    • me^^ scrive:

      uh! Poverino! Sempre a fare un oceano di una goccia^^
      Ma veniamo all’”affare”!^___^
      Io c’ho i miliardi con cui posso pagarmi le migliori guardie del corpo “regolari” e con regolare “porto d’armi”^^(tale e quale a Mangano) del paese.
      Posso pagare dei soggetti che mi difendano secondo le regole e secondo la legge.
      Ma invece no! Cerco un mafioso(come lo cerco? gli telefono? Aspetta! So il numero di telefono del mafioso! E non vado alla polizia!!^__^)
      Questo mafioso(con regolare porto d’armi), dovrebbe difendermi dalla mafia che potrebbe rapirmi (all’epoca si vociava di timori di rapimento e infatti il secondo nome della mafia è Anonima sequestri!^^)
      Quindi dopo aver telefonato al mafioso, lo invito a casa mia senza chiamare i CC (pare che sia andata pure così).
      E pago un mafioso per…? cosa?
      Se qualcuno si avvicinerà, quale sarà il mezzo del mafioso?
      Il metodo mafioso mi pare l’unico(certo il mafioso non telefona a i CC)
      Toh! ho tratto un vantaggio dal metodo mafioso!O_o..^__^
      Adesso dimmi te perchè a mafia dovrebbe interessarsi a salvare qualcuno a milano (a me non mi difende)?
      Ah! Immagino che abbia pure versato regolari contributi a mangano^^

    • amidoinitrite? scrive:

      @Zamax Sei incommentabile, negare anche dinnanzi alla realtà se la giustizia esistesse Sinone ti farebbe da compagno nella decima bolgia. Peste ti colga!

  3. Pingback: Tweets that mention Dell’Utri, la sentenza: “Era il mediatore tra la mafia e Berlusconi” -- Topsy.com

  4. pescivendolo scrive:

    il cerchio si è chiuso i figli dei mafiosi e malavita sono cresciti hanno studiato molto bene e tutt”ora potrebbero essere i nostri giudici magistrati che invece di amministrare la giustizia, loscamente manovrano la politica a loro piacimento con politici corrotti che fino agli anni 90 hanno rubato e umiliato l”italia ora voglino ritornare per mandarci in miseria per compiacere ai loro padri

    • Batuff scrive:

      Attento, c’hai un comunista alle spalle! E’ appena sbarcato da Marte!! Aiuto, c’è un’invasione di comunisti venuti dallo spazio!!! Silvio salvaci tu!

      Buh!

  5. Pingback: Ecco la sentenza: “Silvio pagava la mafia tramite dell’Utri”

  6. TNEPD scrive:

    Passi ancora Dell’Utri, ma la gente non vuole che Berlusconi sia condannato, non vuole che le si dica che si e’ fatta governare per quasi vent’anni da un mariuolo, da un mafiosello. Sedici anni, quasi diciassette, ma ci pensate?

    p.s. di quei sedici pero’, a ben vedere, sette li ha avuti a disposizione quella che dovrebbe essere la “sinistra” e nessuno ha ancora saputo spiegarmi perche’, in quei sette anni, questa curiosa “sinistra” non ha trovato un minuto per liberare il Paese dal virus.

    TNEPD
    http://tnepd.blogspot.com

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Ultime Notizie

TAV TORINO LIONE GIANCARLO CASELLI ERRI DE LUCA 2

Erri De Luca, il conformista

8:05 Lui dice che lo processeranno per quello che descrive come un «reato d’opinione». Ma fa il furbacchione. In un’intervista lo scrittore No Tav disse: «Hanno fallito i tavoli del governo, hanno fallito le mediazioni: il sabotaggio è CONTINUA

good morning italia

Banzai diventa partner industriale di Good Morning Italia

0:40 Good Morning Italia, il servizio italiano di informazione essenziale che offre uno sguardo panoramico sul mondo ogni mattina, è uscito dalla fase beta diventando un’impresa e comunicando un accordo di partnership con Banzai Media, che è entrata nel capitale della società CONTINUA