Cronache dal profondo Veneto: “Credete a un’immigrata e non a me?”

19/11/2010 - di

A Treviso un cane morde una bimba straniera. I genitori si rivolgono alla polizia, e la padrona del cane a quel punto risponde che… ‘Volete credere ad una straniera bugiarda e non dar retta a me che sono trevigiana?‘ Gli

A Treviso un cane morde una bimba straniera. I genitori si rivolgono alla polizia, e la padrona del cane a quel punto risponde che…

Volete credere ad una straniera bugiarda e non dar retta a me che sono trevigiana?‘ Gli agenti di una volante si sono sentiti apostrofare cosi’ dalla proprietaria di un cane, un cucciolo di labrador che poco prima, mentre giocava con una bimba macedone di 4 anni incrociata per strada insieme alla madre, aveva fatto cadere a terra la piccola procurandole un ematoma al volto.

UNA STRANIERA? – Nulla di grave per i medici del Pronto soccorso, che hanno subito dimesso la bambina. Ma i genitori, indispettiti dall’indifferenza della proprietaria del cane, hanno rintracciato la sua residenza e hanno chiamato la polizia reclamando anche i danni per il giubbotto rovinato della piccola. In un primo momento la signora trevigiana ha cercato di negare l’accaduto, poi di fronte alle contestazioni degli agenti ha protestato con tono ‘scandalizzato’ perche’ i poliziotti attribuivano alle parole di immigrati la stessa credibilità delle sue affermazioni. Ora spetterà ai genitori della piccola macedone decidere se se sporgere querela nei confronti della signora trevigiana.

(ANSA)

1 Commento

  1. Pingback: Tweets that mention Cronache dal profondo Veneto: “Credete a un’immigrata e non a me?” -- Topsy.com

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Ultime Notizie

mafia camorra 'ndrangheta mappa 4

La mafia ci ha annoiato a morte

9:07 Il primo film italiano proiettato qualche giorno fa alla Mostra di Venezia parlava di mafia (che palle…). Si trattava di “Anime nere”, film in concorso di Francesco Munzi. Le cronache parlano di una standing ovation e di tredici minuti di CONTINUA