Milano riconosce le prime “nozze gay”

14/05/2013 - di

Una coppia ottiene dal tribunale la trascrizione della civil partnership contratta a Londra nel Registro delle unioni civili

Milano riconosce le prime "nozze gay"

Una coppia omosessuale di Milano ha ottenuto dal tribunale del capoluogo lombardo il riconoscimento della civil partnership contratta a Londra nel 2010. Cristian e Federico, 39 e 31 anni, hanno ottenuto la trascrizione della loro unione gay, diversa ma simile al matrimonio, nel Registro delle unioni civili varato nel 2012 dalla giunta Pisapia.

 

Parigi, prima fiera del matrimonio gay

LEGGI ANCHE: Tutti i paesi dove il matrimonio gay è realtà

 

LA TRASCRIZIONE DELL’ATTO INGLESE – Ne parla Oriana Liso su Repubblica Milano:

La trascrizione è il primo passo. Ma il passaggio successivo potrebbe diventare un precedente importante nel riconoscimento dei diritti delle coppie omosessuali. Una coppia milanese ha contratto il 5 giugno 2010 a Londra una civil partnership, che riconosce alle persone dello stesso sesso un vincolo simile — anche se non ancora equiparato — al matrimonio: permette, per esempio, l’adozione (è il caso del cantante Elton John) e riconosce i diritti del partner in caso di pensione o eredità. Questo atto, per la prima volta in Italia, è stato trascritto in un registro nazionale, ovvero in quello delle unioni civili che il Comune di Milano ha istituito nell’estate del 2012. A stabilirlo, pochi giorni fa, una sentenza del tribunale civile, che ha accolto la richiesta di Cristian, 39 anni, ricercatore biologico in una ditta farmaceutica, e di Federico, 31 anni, che lavora in una società che sviluppa software, grazie alla disponibilità di Palazzo Marino che, con una apposita determinazione dirigenziale, ha accettato di fare quello che l’anagrafe italiana aveva rifiutato: riconoscere il vincolo giuridico tra i due ragazzi, anche se avvenuto all’estero.

Il Registro delle unioni civili istituito nel 2012 dlla giunta Pisapia serve per accedere alle graduatorie dei servizi comunali.

14 Commenti

  1. ____________________________ scrive:

    “Il nostro viaggio non sarà finito fino a quando i nostri fratelli e le nostre sorelle gay non saranno trattati come gli altri davanti alla legge. Dobbiamo fare in modo che queste parole, questi diritti, questi valori, di libertà e uguaglianza divengano realtà per ogni americano. È questo il compito della nostra generazione”.
    Barack Obama 44° presidente degli U.S.A.

  2. Faggot79 scrive:

    “Loro sono gay, tu sei frocio”.
    Mi viene da pensare.

  3. Faggot scrive:

    Un ricercatore biologico e un impiegato informatico. Insomma non due omosessuali irrisolti qualunque. Vien proprio da pensare: “Loro sono gay, tu sei frocio”.

    • ValerioxX scrive:

      no.. Faggot devi solo mettere la testa a posto e vivere etero-like… dopo tutto l’Ipocrisia, si sa, è etero :DD

    • skept scrive:

      Non credo che esistano omosessuali “risolti”, se no non sarebbero omosessuali. Che pena poverini, incapaci di chiamare il loro rapporto con una formula appropriata, preferiscono rubare il termine agli eterosessuali, così visto che ci sono gli fanno anche un dispetto, e sfogano un po’ di odio verso quella “normalità” che non riescono a vivere. Pigri, maligni, inaffidabili, incapaci di assumersi responsabilità, fissati con il sesso, e adesso con il matrimonio e le adozioni. Mi fanno proprio pena, ma mi fa più pena l’opinione pubblica che invece di rintuzzare tante assurde pretese si inchina ai gay, poverini, come ad un popolo eletto. Ma quello è un mero problema mentale, che altera tutta la loro natura maschile: se gli va bene rimanere così facciano pure, ma senza voler a tutti i costi usurpare le regole ed i costumi eterosessuali, perché secondo me si potrebbe ravvisare una specie di furto di identità.

      • Scrappy scrive:

        Skept… i tuoi buffi deliri, strappano un sorriso …grazie :)

      • ValerioxX scrive:

        e pensa.. adotteremo pure i tuoi figli tan tan tannnn
        PS “Pigri, maligni, inaffidabili, incapaci di assumersi responsabilità, fissati con il sesso” ah però… vedo che ci conosci bene… un po’ troppo… uh uh uh tu ci nascondi qualcosa!!!

      • Faggot scrive:

        “Pigri, maligni, inaffidabili, incapaci di assumersi responsabilità, fissati con il sesso”
        Sì, in effetti stai dimostrando di conoscere fin troppo bene la realtà dell’omosessualità irrisolta. Secondo me non la conti giusta.

      • Maria scrive:

        Non c’è nessuna regolamento eterosessuale, ma sono costumi e norma umane. E le donne e gli uomini omosessuali sono tanto essere umani quanto te. Nessuno ruba niente, sono richieste di qualcosa che gli spetta in quanto persone come te. Perché devi creare opposizioni e discordia dove non esistono?

  4. cornacchia scrive:

    @ skept
    Cosa significa: “ma senza voler a tutti i costi usurpare le regole ed i costumi eterosessuali, perché secondo me si potrebbe ravvisare una specie di furto di identità”.
    La società deve essere aperta a tutti ed è giusto che ciascuno esprima la propria sensibilità purché rispetttosa del prossimo. Non è così?
    Se ti riferisci soltanto ai matrimoni ed alle adozioni sono d’accordo.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Ultime Notizie

Senato - ddl Riforme Costituzionali

Processo civile: il governo pone la fiducia

22:39 Lo annuncia il ministro Maria Elena Boschi in aula. Nel testo sostitutivo dell'intero disegno di legge anche l'accordo per coppie senza figli con scioglimento del matrimonio in negoziazione assistita CONTINUA