Prostituzione a Berlino: un business come un altro

In Germania il meretricio è stato legalizzato nel 2002. Rue89 intervista le lavoratrici del sesso nei bordelli del Land tedesco, alle prese...

In Germania il meretricio è stato legalizzato nel 2002. Rue89 intervista le lavoratrici del sesso nei bordelli del Land tedesco, alle prese con la crisi economica.

Solo il ronzio dell’aspirapolvere, scrive Rue89, disturba la tranquilla atmosfera di Artemis, il più grande bordello di Berlino. “4000 metri quadrati di relax e di piacere” aperto dalle 11:00 alle 5:00 del mattino. Marina Ludwig, 45 anni, ha attaccato il suo servizio di pulizie del mattino. “Certo, in un primo momento, bisogna abituarsi, non pensare troppo a ciò che si pulisce“, dice senza ridere. “Ma le ragazze sono belle. E la paga è molto buona“.

CLUB DI CULTURA DEL CORPO LIBERO - Inaugurato nel 2005 dall’ imprenditore turco  Haki Simsek, l’edificio grigio ha l’aria di un centro commerciale e si trova lungo la strada, nella periferia occidentale della capitale, dove sono presenti circa 700 bordelli. All’interno, l’atmosfera è più fine che pesante: scarsa illuminazione, dipinti italiani del Rinascimento e doppi vetri. Senza dimenticare le due sale cinematografiche e la “wellness” che offre agli habitués, hammam, massaggi e sauna. Nelle sale, un avviso discreto: “Chiediamo alle ragazze di risparmiare sui fazzoletti di carta“. Segnalata durante la  World Cup 2006 per i suoi servizi “a catena”, Artemis è orgogliosa di essere in grado di ospitare fino a 600 clienti per un centinaio di dipendenti. Vanessa Rahn, 20 anni, responsabile della comunicazione, non parla mai di bordello ma di  “club FKK“, Frei Körper Kultur [cultura del corpo libero].

DISOCCUPAZIONE E SALUTE - Se il “personale” è multiculturale, lo sono pure le prestazioni tra: “Französische” [un pompino con o senza preservativo] o “Griechische [anale], le tariffe vengono stabilite dalla casa: mezz’ora costa 60 euro. Dopo aver pagato una “tassa di ingresso” di 90 euro al giorno, le prostitute guadagnano per intero sul loro “servizio”. Qui, “non c’è  bisogno di formazione“, il periodo di prova dura due giorni. Seguito, in caso di successo, da un contratto di locazione con contratti formali di lavoro, sicurezza sociale e contributi.

BELLE E DISCRETE - Dal momento che la legge ha legalizzato la prostituzione nel 2002, le prostitute in Germania, sono diventate come gli altri lavoratori, assimilate allo status di “indipendenti”. Esercitare il  sesso freelance dà diritto ad un’assicurazione contro la disoccupazione e alla copertura sanitaria. Quasi 450.000 prostitute sono riconosciute in tutto il paese, contro un numero che varia da 15 000 a 30 000 in Francia. “I nostri criteri di selezione non sono basati sul fisico“, ha detto Vanessa Rahn. Bisognerebbe essere “belle“. E “discrete“, soprattutto. Indirizzi di babysitter, test HIV, l’agopuntura e le disponibilità, tutto è scritto su una grande lavagna di sughero nello spogliatoio del bordello, dove le ragazze, di età compresa tra i 18 e i 40 anni, scambiano i loro jeans e le identità civili con stivali e nome d’arte.

NESSUN TABU’ - Michaela langue in accappatoio su un divano, in attesa di cominciare a lavorare. Digita un messaggio per suo figlio su uno dei suoi due iPhone. Roumaine, 29 anni, si gode le ore di riposo per fare  la spesa al supermercato locale. Viene di solito per tre giorni al mese a Berlino, dove ha la sua camera da letto al piano superiore. “E’ pulito. Siamo libere di scegliere gli orari … ma anche i nostri clienti“, spiega. Cultura del corpo, crescita del movimento naturista o influenza politica delle femministe che hanno sempre sostenuto la legalizzazione: in Germania il tabù sulla prostituzione non esiste. Nel 2002, il governo Schröder ha in gran parte dimostrato pragmatismo lavorando per il riconoscimento sociale e legale delle prostitute.

INCERTEZZA ECONOMICA - Sicurezza, igiene, protezione contro possibili sfruttatori  o reti di tratta: Oltrereno, la maggior parte delle prostitute lavorano nei bordelli, nelle sale massaggi e nei bar. Solo il 3% lavorano sul marciapiede. Le statistiche della polizia rivelano che l’attività criminale di “Medium”, legato alla mafia, è diminuita dal 2002. Ma molte delle lavoratrici del sesso sono affette da incertezza economica, molte giovani ragazze provenienti dall’Europa dell’Est, in particolare, si sono “lanciate” nel business, sostenute da questa apparente normalizzazione della professione. Marion Detlefs, assistente sociale per Idra, un’associazione che difende le prostitute  ha detto: “Non credo che la legalizzazione abbia cambiato le cose. La prostituzione non è mai stata e non sarà mai un lavoro come un altro, che sia in un bordello o no, che vi sia un quadro giuridico o meno“.

SCONTI PER ANZIANI E DISOCCUPATI - Nel 2005, Regina ha aperto la Casa di Envy, una “famiglia” bordello situata in un cortile del quartiere alla moda di Prenzlauer Berg. Per questo l’ex istruttrice di scuola guida nella ex RDT, afferma che la legalizzazione ha soprattutto permesso al governo federale “di riempire le loro tasche, mentre noi stiamo affondando“. Quest’anno, le sue “vendite” sono scese del 50%. A Berlino, la concorrenza è “molto pesante”: 700 bordelli, sale massaggi e hostess bar, oltre all’ ” hobby hure”, le prostitute occasionali. Così è difficile competere con un’istituzione come il Pussy Club, che la scorsa estate ha istituito una tariffa “forfettaria” (fissa): bevande+sesso illimitato+cibo, il tutto per 70 euro. All”industria del sesso locale, poi, non manca la fantasia per attirare i clienti, offrendo un guazzabuglio di sconti speciali per anziani o per i beneficiari della Hartz IV, l’ assicurazione di disoccupazione.

LE FABBRICHE DI CARNE  - Regina si rifiuta di “fare la fabbrica di carne“. In primavera ha deciso di evidenziare la “tariffa verde” per i propri clienti del mondo del ciclismo. Ma i ciclisti non sono in fila davanti al cancello. Nella piccola sala adiacente alla camera da letto, assorbita da una telenovela, Betty, 26 anni, assaggia il suo kebab in perizoma pantera. Cinque anni fa, ha preso un volo Cuba-Berlino per seguire il suo uomo tedesco. Oggi si trova da sola con un bambino. Parla correntemente lo spagnolo, il tedesco e l’inglese. E nelle sue ore al bordello, passa il 50% dei suoi  guadagni a Regina. Il suo stipendio mensile, che manda alla sua famiglia, è di circa 2000 euro netti. “Negli anni passati, si poteva guadagnare fino a 5000 euro. E’ tutto finito adesso. Ma io non tornerò sul marciapiede“. E’ la crisi, bellezza.