|

Striscia la Notizia licenzia le Veline

Avventura finita per Alessia ReatoGiulia Calcaterra, attuali Veline di Striscia la Notizia che verranno “licenziate” dalla produzione del programma al termine della presente stagione. A parlare per primo del benservito dato alle due ragazze è stato Novella 2000, qualche giorno fa, e la notizia è stata poi confermata anche da SocialChannel.

Guarda le foto: 

ERA NELL’ARIA  – A dirla tutta, la cosa era nell’aria. Già lo scorso novembre Novella 2000 aveva paventato la possibilità che la mora Alessia e la bionda Giulia potessero essere scaricate addirittura prima della fine della stagione. Ma, a quanto pare, erano state riconfermate anche dopo la pausa natalizia, nonostante Novella avesse parlato di “scarse speranze di restare a Striscia”. Oggi però sarebbe ufficiale: per Alessia e Giulia finisce qui e, a settembre, sarà un’altra coppia di ragazze ad esibirsi nei celebri “stacchetti”.

 

LEGGI ANCHE: Corrado Clini e le mutande cambiate ogni quattro giorni

 

VELINE SCANDALOSE – Ma quali motivi si celano dietro a questa decisione? Secondo SocialChannel la colpa sarebbe delle polemiche suscitate dalle sue ragazze:

Alessia Reato e Giulia Calcaterra non hanno mai avuto vita facile. La Reato ha dovuto far fronte alle scomode voci di una raccomandazione per mano di Silvio Berlusconi: papa’ Reato infatti e’ proprietario della Kirby e conosceva l’ex Premier, e il fratello di Alessia, Fabio, ha militato all’interno della rosa del Milan. Per Giulia invece vi furono le polemiche sollevate dagli animalisti dopo le sue dichiarazioni in merito al suo rottweiler (poi soppresso per una malattia!) del quale aveva detto di non potersi piu’ occupare per colpa di impegni lavorativi.

PROVINI SEGRETI? – Chi le sostituirà? A quanto pare Antonio Ricci e colleghi starebbero pensando di scegliere una coppia di ragazze senza passare per il giudizio popolare del programma estivo Veline che, lo scorso settembre, aveva incoronato vincitrici proprio Alessia Reato e Giulia Calcaterra.

(Photocredit: LaPresse/Stefano De Grandis)