|

Cacciari e le puttanate di Marianna Madia a Servizio Pubblico

Ieri sera nel salotto di Michele Santoro si è consumata una discussione accesa tra il filosofo Massimo Cacciari e Marianna Madia del Partito Democratico. Ecco cosa è successo.

CACCIARI SI ARRABBIA – Nella puntata precedente di Servizio Pubblico, Massimo Cacciari ha abbandonato lo studio dopo essersi infuriato con Vittorio Sgarbi, ieri sera si è indignato contro Marianna Madia del PD. Cacciari parla della crisi economica italiana e dice: “Dobbiamo sapere che se continueranno a crescere, come stanno crescendo, le disuguaglianze ci si gioca la democrazia perché manca la possibilità di poter stare meglio domani”. Cacciari è indignato perché dice che per ottenere “crescita industriale” c’è bisogno di “grande competenza” e non di quei “cretini come i grillini” che sono finiti in Parlamento: “Serve capacità politica e competenza tecnica: cessiamo di chiacchierare e confrontiamo i programmi” e ancora “serve una figura di grande rappresentatività e di grande competenza” perché le proposte attuali di minoranza “non combineranno niente”. Marianna Madia, in risposta, dice: “Ci terrei a dire che lunedì a mezzogiorno accompagneremo le tante firme che sono state raccolte sul reddito di cittadinanza”, Cacciari non si mostra d’accordo e dice: “È una puttanata. È una colossale puttanata”. Ecco cosa succede poco dopo.

 

guarda le immagini:

LEGGI ANCHE: Il video di Cacciari che litiga con Sgarbi e lascia lo studio da Santoro

MADIA VS CACCIARI – “Non raccontate le palle sul diritto di cittadinanza” urla un agitato Cacciari in studio mentre Madia dice: “Voglio difendere il reddito minimo perché in tutti i paesi dell’Europa avanzata c’è uno strumento che…” ma non riesce a finire la frase perché il filosofo urla “Tagliate la legge Fornero”. Madia dice: “Sarebbe stato più facile avere a che fare con un interlocutore del Pdl che con Cacciari”, l’uomo attacca ancora la proposta “concreta” e “scritta da persone competenti” avanzata da Madia: “Cacciari ci tiene a spegnere qualunque speranza”. Il filosofo controbatte: “Tagliate la legge Fornero che un imprenditore oggi non può assumere… Chiacchiere continue, porca vacca! Chiacchiere continue, Dio Santo! Mamma mia… – e ancora – defiscalizzate il lavoro, lasciate che gli imprenditori assumano!”. Madia evidenzia: “Questa proposta c’è in tutti i paesi avanzati d’Europa ed è importante perché se un uomo perde il lavoro, gli permette di non finire in mezzo a una strada. Vogliamo chiedere all’Europa di essere più europei” e Cacciari sussurra: “Balle, balle”. Qui è possibile rivedere lo scambio tra i due.

 

 

 

 

 

(Photo Credit/Servizio Pubblico)