|

“C’è la crisi? E io faccio il gigolò”

Non saranno Richard Gere ma la rete pullula di ragazzi in offerta, spesso camuffati sotto la voce “accompagnatori per donna”. I forum e le bacheche di Ebay sono piene di uomini che si offrono come gigolò, fidanzati fasulli e compagni di shopping.

guarda la gallery:

COLPA DELLA CRISI – Andrea ha 28 anni e vive in provincia di Padova. Offre la sua compagnia “per serate, cene e dopo cene”.  La sua storia la racconta il Gazzettino: a spingerlo la disoccupazione. Era operaio ed ora è senza lavoro da qualche mese:

Semplice, sono anch’io una vittima di questo brutto momento che sta vivendo l’Italia – esordisce -. Lavoravo come operaio e sono stato licenziato. Per un po’ ho cercato un altro impiego, diciamo così, normale. Poi ho avuto questa idea

Andrea però ha specificato nell’annuncio niente sesso per le over 50: “Sarei disposto a farlo con una donna non troppo anziana. Diciamo dai quaranta ai cinquant’anni. Oltre, assolutamente no. Sono ancora giovane, non mi pare davvero il caso”.

AAA CERCASI – “Ciao a tutte sono una ragazza carina, mi devo presentare ad una cena importante di lavoro “molto elegante” e non voglio che i miei colleghi vengano a corteggiarmi, non avendo il fidanzato sto cercando un professionista che sappia svolgere un ruolo di fidanzato. Cioè cerco un uomo accompagnatore per donna” posta una ragazza su un forum. Chi cerca il  “compagno” di un momento chiede direttamente in rete, nella speranza di dritte o contatti diretti. I costi viaggiano pari pari con la crisi. Sulla Versilia, spiega Simon a La Nazione: “100 euro all’ora per una semplice compagnia, 200 con prestazione sessuale, con forti sconti, soprattutto se si tratta di clienti abbonate”.

SPECIALIZZARSI RAGAZZI – “Disponibile per Tattiche di ingelosimento, prove di fedeltà, prime esperienze” ma anche personaggi inventati e sexual trainer: il campo non offre solo damerini da compagnia. C’è chi si propone direttamente tramite sito (personale e non) corredato con foto e specializzazioni. Dall’Emilia Romagna a Milano, i maschietti si offrono anche per sedute di shopping e balli da sala. Qui vengono indicati i requisiti ideali per diventare un gigolò doc:

Bell’aspetto, bei modi, ottima cultura, che si propongono a donne sole in cerca di un’avventura, ma a volte anche di una guida per un viaggio, un autista o un esperto di moda

L’ultima frontiera per sviare brutte sorprese è l’uso di Facebook stesso. Con la dicitura Gigolò si trovano migliaia di profili degli aspiranti lavoratori, anche gruppi e pagine fan. “La donna vuol sempre essere ascoltata, messa al primo posto, sentirsi importante, sentirsi donna” spiega un post a iscrizione chiusa. Andrea svela al Gazzettino che ancora non ha ricevuto offerte. I suoi sono all’oscuro di tutto. Nel mentre però i tagliandini col suo numero sono andati a ruba. Un blog che gestisce gigolò riporta le frasi di un candidato: “Non mi vedo come un oggetto sessuale, ma come una persona che in quei momenti interagisce con un altra, ma senza controvertire la sua essenza,  essendo ciò che realmente è tutti i giorni, anche se in quel momento ricopre un ruolo”. Un sito offre a basso costo consulenza per creare il proprio profilo escort (sia maschile che femminile). I tempi di crisi tutto è concesso. A volte anche troppo.