Milly D’Abbraccio alle Iene racconta la vita da escort

25/02/2013 - di

Fine di una pornostar

Milly D’Abbraccio alle Iene racconta la vita da escort <1>

Tutte le foto <1>

Milly D’Abbraccio alle Iene racconta la vita da escort

Vedi foto

    SCOPRI >>

    Andrea Agresti è andato alla ricerca di Milly D’Abbraccio per mettere un segno di spunta sul nuovo mestiere che risponde alla carriera di escort. Il servizio è andato in onda ieri sera su Italia 1 durante “Le Iene“.

    L’IDEA - In tempo di crisi reinventarsi è un’arte e Milly D’Abbraccio, pornostar, non è andata tanto lontano dalle attitudini del passato perché oggi la donna ha dato nuova linfa all’esperienza accumulata: insomma, è passata da pornostar a escort. Per capire il passo che l’ha portata da attrice erotica, a candidata con i Socialisti nel 2008 per il X Municipio di Roma per poi riprovare nel 2011 come candidato sindaco di Monza fino a diventare escort, l’inviato delle Iene Andrea Agresti ha fissato un appuntamento con lei. È possibile vedere a questo link, il servizio completo andato in onda ieri sera.

    guarda le immagini:

    LEGGI ANCHE: Quando una escort costa diecimila euro

    IL SERVIZIO - Agresti non ha dovuto faticare molto per avere un incontro perché le condizioni sono molto semplici: basta andare sul sito ufficiale della donna che accoglie i visitatori subito con un messaggio chiaro “Hard Zone”. Nella sezione del sesso take-away è possibile leggere subito le rassicurazioni per gli avventori: “Sì, sono la vera Milly D’Abbraccio, la vera star dell’eros. L’unica vera bomba del sesso italiano. Ora disponibile come escort“. Dopo i dovuti chiarimenti si può proseguire ma occorre tenere a mente che è “costosa ma amabile” ma non sperate che si innamori di voi perché nella vita “ama le donne”. O così dice. Agresti ricorda per le pellicole che l’hanno resa celebre nella sfera della pornografia italiana prima di telefonare a Emilia Cucciniello in arte Milly D’Abbraccio.

    COSTOSA MA AMABILE - Aveva avvisato di essere “costosa” e “il prezzo è di mille euro per un’oretta e mezzo, due” ma se il fan voglioso viene da fuori la tariffa scende fino a 800 euro. Buttali via. Agresti si prepara e la raggiunge a Brescia camuffato da impiegato con l’hobby della pesca o qualcosa del genere. “Entra nell’hotel fai finta che sei un cliente, prendi l’ascensore a vai alla camera 102″ spiega Cucciniello al telefono, pronta ad accogliere Agresti ma prima “facciamo la cosa dei soldini” ovvero D’Abbraccio mica perde tempo vuole subito controllare il malloppo perché poi “si fa sesso”: è confermato. L’inviato cerca di perdere tempo, Milly si spazientisce e Agresti svela la sua identità di Iena ma viene comunque cacciato perché non le interessano interviste, salvo ripensarci.

    CLIENTELA - Finalmente i due si incontrano senza rotoli di euro e letti come scenografia di sfondo. Partono le prime cifre: 47 anni, 30 titoli porno, 20 anni di spettacoli e almeno 4 show a settimana. Ammette “i tempi sono cambiati, c’è la crisi” e quindi – guarda un po’ – ha scoperto come ovviare al problema. I clienti sono essenzialmente i suoi fan che quando la vedono “quasi tremano”, forse è per la tariffa. D’Abbraccio asserisce preoccupata: “C’è gente veramente strana, c’è gente che vuole solo parlare” ma poi appare anche comprensiva perché applica i prezzi in base ai clienti: si parte da una base di 800 euro per i giovani fino a un max di 2.500. Al giorno “c’è un cliente ma possono essere anche quattro, cinque e al mese guadagno 18 mila euro”. Ci sono imprenditori, banchieri ma anche magazzinieri “che mettono da parte i soldi”. Che cosa piace ai clienti? “Vogliono essere sodomizzati oppure mi chiedono di fargli la pupù addosso”. Nel corso dell’intervista, D’Abbraccio riceve la chiamata di un cliente ma per l’accordo dovrà richiamare perché Milly non vuole farci ascoltare. “Da te sono mai venuti politici?” chiede Agresti e la risposta – visto le informazioni a cui siamo abituati – sorprende: “No, perché i politici non c’hanno ‘na lira, a me interessa la gente che ha i soldi”. Curiosità: “gli uomini più vigorosi sono quelli del sud, a nord invece fanno le richieste più strane, ad esempio vogliono essere sodomizzati” ma ammette “Non ho mai avuto un orgasmo con un uomo, io nella vita per il sentimento amo le donne”. Tuttavia, anche in tempo di crisi “rimangono delle certezze” e se D’Abbraccio rinasce dice che farà l’escort.

     

     

    (Photo Credit/Mediaset/LeIene)

    4 Commenti

    1. ralf malf scrive:

      gran donna, se c’avessi mille euro che mi avanzano….

    2. Ma si può? scrive:

      ” i clienti vogliono essere sodomizzati o che gli faccio la pupu’ addosso”
      Superfluo ogni commento.

    3. Pietro Aligi Schiavi scrive:

      Certo che guadagnare i soldi come prostituta (scusatemi: escort) non è facile. Se poi fosse vero tutto quello che afferma,…..poveri noi, quante abberrazioni.
      800 euro per stare con lei e farsi un bel giro sessuale non è poco, ma neanche tanto, considerata la sua ventennale carriera e “conoscenza” della materia in cui è versata. Non me la sento di critacarla: il coprpo è suo. Almeno lei è più sincera e diretta, a rispetto di tante finte santerelline che si cercano amanti di nascosto dai mariti. Auguri Milli.

    4. rosaria scrive:

      è proprio vero noi belle donne mature siamo molto desiderate, perche solo la nostra esperienza, puo portare gli uomini in paradiso!
      Brava Milly e viva le donne mature!

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

    Ultime Notizie

    Cantiere Tav di Chiomonte

    Sblocca Italia, ecco le novità

    12:41 Con la conversione del dl 133 il governo prova a semplificare piccole e grandi opere pubbliche. Come la realizzazione della linea ferroviaria Napoli-Bari, la riconversione di Bagnoli, la ricostruzione in Abruzzo, la messa in sicurezza di Genova CONTINUA