La bufala del mandato d’arresto per il Papa

14/02/2013 - di

I cercatori di visibilità si sono scatenati a ruota dell'annuncio delle sue dimissioni

La bufala del mandato d’arresto per il Papa <1>

Tutte le foto <1>

La bufala del mandato d’arresto per il Papa

Vedi foto

    SCOPRI >>

    Tra le tante voci e supposizioni che hanno circondato le clamorose dimissioni papali si è letto di tutto, ma che il Papa sia dimesso per schivare un mandato d’arresto, spogliandosi così dell’immunità che gli spetta come capo di stato del Vaticano è davvero incredibile.

    QUELLI CHE PARLANO CON GLI UFI - A diffondere la “notizia” è stato il sito degli aspiranti Guerrieri della Luce, uno di quelli che discutono le rivelazioni che gli alieni distillano attraverso i “canalizzatori” ovvero un gruppo di persone che dice di avere collegamenti telepatici intergalattici con gli alieni, che il 21 dicembre scorso avevano assicurato loro l’inizio della “Ascensione”, un delirio simile alla fine del mondo dal quale si salverebbero salvati “evolvendo” solo alcuni fortunati tra i credenti in queste baggianate.

    IL MANDATO D’ARRESTO - Questa volta quelli della Federazione Galattica di Luce però non c’entrano  e la notizia del mandato d’arresto contro il Papa era presa dal sito del International Tribunal into Crimes of Church and State, che assicurava di aver ottenuto un mandato d’arresto per Ratzinger, da eseguirsi dopo il 15 di febbraio. Anche quelli del Tribunal into Crimes of Church and State sembrano però una ristretta compagnia di persone dalle buone intenzioni e dalla relativa attendibiltà, tanto che persino il sito che parla con gli alieni ha un certo punto ha ritenuto opportuno rimuovere la pagina e sostituire l’articolo con un altro a tema papale, questa volta  ripreso da Sergio Di Cori Modigliani, che sul sito di quelli che parlano con gli ufi, in effetti ci sta come un pisello nel suo baccello.

    NON FINISCE QUI - Esaurita quindi l’indagine su questa voce, che ovviamente in queste ore ha cominciato a vivere di vita propria e a incuriosire più d’uno, non resta che predisporsi all’attesa di nuove levate d’ingegno, che in occasioni storiche come questa s’esauriscono solo nel medio periodo,  ai loro autori ci vuole un po’ per pensarle e metterle in scena come si deve.

     

    30 Commenti

    1. ernest ameglio scrive:

      Sono cattolico/a: perché dovrei considerare di diventare cristiano/a? Quali sono le differenze principali fra i cattolici e i cristiani biblici? Prima assurdità: non vi sono cristiani biblici: solo cristiani vangelici!
      La regola definitiva e certa della Fede Cattolica non ci è data né dai teologi, né dai filosofi, né dagli esegeti, né dagli storici, né dai profeti, né dai poeti, né dai carismatici, né dai veggenti, né dai comuni cristiani, per quanto in possesso dello Spirito Santo ed esperti nella Sacra Scrittura. Non ci è data neppure dai Vescovi, dai Cardinali o dalle conferenze. Allora da dove proviene? Non certo dai vangeli, dove due attitudini chiare si scontrano. Prima costatazione; nella Bibbia non si cita mai distintamente il Gesù dei vangeli, ma solo vaghe allusioni da potersi prestare a numerosi personaggi storici veramente vissuti. I vangeli, solo dai quali si ebbe la conoscenza di Gesù, presentano due personaggi distinti e incomunicabili:: quelli della sua missione in vita e l’altro, tratteggiato dopo la sua morte. In vita :disse : “Non andate ai Gentili e non entrate in nessuna città dei Samaritani. Io non sono mandato se non alle pecore perdute della casa d”Israele”. Alla donna di Samaria, Gesù disse: “”Voi adorate ciò che non conoscete; noi adoriamo ciò che conosciamo poiché la salute è dalla parte dei Giudei” La donna ribatte: “Io so che il Messia, il quale è chiamato Cristo, ha da venire, quando egli sarà venuto ci annunzierà ogni cosa”. Gesùle disse : Io, che ti,parlo, son desso;. Affermazione inconfondibile “.In Marco, proibisce agli apostoli di dire che egli sia il Messia. In Matteo: esprime lo stesso desiderio(XVI-20) e nel contempo : “ Ed io altresì ti dico , che tu sei Pietro e sopra questa pietra ‘edificherò la mia chiesa”.Affermazione poco probabile avendo dichiarato di non volere cambiare la legge e, inoltre se fosse il caso, come spiegare: “ Essi adunque, essendo rauniti, lo domandarono dicendo: Signore, sarà egli in questo tempo, che tu restituirai il regno a Israele?” Altra contraddizione in Luca : E disse loro: Cosi è scritto e cosi conveniva che il Cristo soffrisse , ed il terzo giorno risuscitasse da’ morti si predicasse ravvedimento c, e remissione dei peccati, fra tutte le genti, cominciando da Gerusalemme. Non conosco in quale libro , oltre i vangeli, questo sia scritto. Il vangelo di Matteo termina con: “Ogni potestà mi è data in cielo come in terra. Andate dunque e insegnate cio’che io vi ho comandate”.
      Quali cose, se le contraddizioni sono numerose e come vedremo leggendo i Fatti. Rivolgendosi al popolo, Pietro dice, uomini fratelli, uomini Israeliti, . Designa l’Iddio di Abramo, e d’Isacco e di Giacobbe, l’Iddio dei nostri padri. Adducendo confusione a confusione, sino al giungere di Paolo di Tarso col suo Gesù,mai esistito se non nella sua mente scossa da una caduta. Leggendo attentamente, Bibbia e vangeli, si giunge valla conclusione che il cristianesimo sia una fandonia e rivedendo la storia comune, il cattolicesimo del Vaticano, una setta vergognosa. Non dobbiamo dimenticare, mai, la santa inquisizione e le scomuniche. Mai! ernest ameglio

      • a scrive:

        Io penso che la fandonia più grossa l’hai scritta tu mischiando tutto e di tutto per denudare la verità che sta scritta nei vangeli,questi personaggi che hai menzionati sono veramente esistiti, ma tu, hai creato una tale confusione nella tua mente che alla fine ci credi veramente, tu vorresti distruggere la legge di Dio, solo perché non credi a Lui!! Ma chi sei tu da poter competere con Dio?? Presuntuoso!!!

        • Giusy scrive:

          Rispondo solo alla prima domanda e mi fermo lì. La differenza tra cattolici e cristiani sta nel fatto che i primi sono osservanti delle dottrine di uomi (vedi tutte le dottrine introdotte dalla chiesa cioè dai papi che si sono succeduti nel corso dei secoli) i cristiani invece sono osservanti della Parola di Dio (la Bibbia)ed escludono dalla loro fede tutto ciò che esula dalle Sacre Scritture. Buona giornata!

    2. filippo scrive:

      A leggere le tante stronzate scritte contro il papa ( e contro l’uomo), viene lo schifo non tanto per le stronzate stesse, ma per il fatto che ci siano tanti semianalfabeti repressi che non vedono l’ora di poter sputare su tutto e tutti, tanto per rifarsi della propria meschinità.Dispiace poi osservare quanto si tenda a credere alle bufale…gli asini ancora non volano: c’è qualcuno ancora d’accordo?

      • Naaaaaaaaaa... quato è il colmo! scrive:

        Detto da uno che crede agli spriti nel cielo, i serpenti parlanti e le vergini partorienti ingravidate da un uccello di fuoco….
        LOLLLLLLLLLLLL

    3. Ale scrive:

      Papa e abusi sessuali alla Reuters
      16 FEBBRAIO 2013

      Per coloro che temevano che la querelle sulle accuse al Papa fosse tutta una bufala, esce una notizia di agenzia oggi 15 che parla della vicenda, accreditando quindi in pieno mainstream che il rischio di accuse e relative conseguenze è per il pontefice quanto mai concreto.

      Tanto che lo costringerebbe a vivere in territorio Vaticano per poter avere immunità.

      Jervé

      Papa avrà la sicurezza, l’immunità rimanendo in Vaticano
      Di Philip Pullella
      CITTA ‘DEL VATICANO | Ven Feb 15, 2013 01:59 CET

      (Reuters) – La decisione di Papa Benedetto XVI di vivere in Vaticano, dopo le dimissioni gli fornirà la sicurezza e la privacy. Offrirà protezione giuridica da qualsiasi tentativo di processarlo in relazione a casi di abuso sessuale in tutto il mondo, le fonti della Chiesa ed esperti legali dicono.

      “La sua continua presenza in Vaticano è necessaria, altrimenti potrebbe essere indifeso. Lui non avrebbe la sua immunità, le sue prerogative, la sua sicurezza, se è altrove”, ha detto un funzionario del Vaticano, parlando in condizione di anonimato.

      “E ‘assolutamente necessario” che rimanga in Vaticano, ha detto la fonte, aggiungendo che Benedetto dovrebbe avere una “vita dignitosa” durante i suoi anni restanti.

      Fonti vaticane ha detto che funzionari aveva tre considerazioni principali nel decidere che Benedetto dovrebbe vivere in un convento in Vaticano, dopo le dimissioni il 28 febbraio.

      La Polizia Vaticana, che conosce già il papa e le sue abitudini, sarà in grado di garantire la sua privacy e la sicurezza senza affidarla a una forza di polizia straniera, che sarebbe necessaria se si trasferisce in un altro paese.

      “Vedo un grosso problema se fosse andato altrove. Sto pensando in termini della sua sicurezza personale, la sua sicurezza. Non abbiamo un servizio segreto che può dedicare ingenti risorse (come fanno) di ex-presidenti, “ha detto il funzionario.

      Un’altra considerazione è che se il papa si trasferisse in modo permanente in un altro paese,vivendo in isolamento in un monastero nella sua nativa Germania , ad esempio, la posizione potrebbe diventare un luogo di pellegrinaggio.

      ESPOSIZIONE POTENZIALE

      Questo potrebbe essere complicato per la Chiesa, in particolare nel caso improbabile che il prossimo papa prenda decisioni che possono dispiacere conservatori, che potrebbe poi andare a casa di Benedetto XVI di residenza per rendere omaggio a lui.

      “Sarebbe molto problematico”, un altro ufficiale del Vaticano ha detto.

      L’ultima considerazione chiave è l’esposizione potenziale del papa di rivendicazioni legali oltre gli scandali della Chiesa cattolica abusi sessuali.

      Nel 2010, per esempio, Benedetto XVI è stato chiamato in causa in un processo relativo al fatto che non è riuscito ad agire come un cardinale nel 1995, quando lui sarebbe stato raccontato di un prete che aveva abusato di ragazzi in una scuola degli Stati Uniti per i decenni precedenti non udenti. Gli avvocati hanno ritirato l’accusa l’anno scorso e il Vaticano ha detto che era una grande vittoria che si è rivelato il papa non poteva essere ritenuta responsabile per le azioni dei sacerdoti abusive.

      Benedetto non è attualmente denominato in particolare in tutti gli altri casi. Il Vaticano non se ne aspetta più, ma non esclude la possibilità.

      “(Se ha vissuto in qualsiasi altro luogo), allora potremmo avere pazzi lo citano in giudizio, o qualche magistrato potrebbe arrestarlo come gli altri (ex) capi di Stato sono state per presunti atti mentre era capo di stato”, ha detto una fonte.

      Un altro funzionario ha detto: “Anche se questo non è l’aspetto principale, è certamente un corollario, un risultato naturale.”

      Dopo che si dimette, Benedetto non sarà più il monarca sovrano dello Stato della Città del Vaticano, che è circondata da Roma, ma manterrà Vaticano cittadinanza e residenza.

      PATTI LATERANENSI

      Ciò continuerà a fornire l’immunità ai sensi delle disposizioni dei Patti Lateranensi, mentre lui è in Vaticano e anche se fa viaggi in Italia come cittadino Vaticano.

      Del 1929 Patti Lateranensi tra l’Italia e la Santa Sede, che ha istituito la Città del Vaticano come Stato sovrano, la Città del Vaticano ha detto sarebbe “sempre e in ogni caso considerata come territorio neutrale e inviolabile”.

      Ci sono stati ripetuti inviti per l’arresto di Benedetto XVI su abusi sessuali nella Chiesa cattolica.

      Quando Benedetto XVI è andato in Gran Bretagna nel 2010, autore britannico e attivista ateo Richard Dawkins ha chiesto alle autorità di arrestare il papa ad affrontare questioni più scandalo figlio della Chiesa abuso.

      Dawkins e il compianto giornalista anglo-americano Christopher Hitchens commissionato avvocati per studiare i modi per intraprendere azioni legali contro il papa. I loro sforzi è venuto a nulla perché il papa è stato un capo di stato e così goduto dell’immunità diplomatica.

      Nel 2011, le vittime di abusi sessuali da parte del clero ha chiesto alla Corte penale internazionale di indagare il papa e tre funzionari del Vaticano su abusi sessuali.

      Il New York-based Centro di gruppo per i diritti per i Diritti Costituzionali (CCR) e un altro gruppo, i superstiti di rete di quelli abusati dai sacerdoti (SNAP), ha presentato una denuncia presso la Corte penale internazionale relativa al fatto che i funzionari del Vaticano hanno commesso crimini contro l’umanità, perché tollerato e consentito crimini sessuali .

      La Corte penale internazionale non ha accettato il caso, ma non ha mai detto perché. E ‘in genere non commenta il motivo per cui non si occuperà dei casi.

      Non come un amministratore delegato

      Il Vaticano ha sempre detto che un papa non possono essere ritenuti responsabili per i casi di abusi commessi da altri, perché i sacerdoti sono dipendenti di singole diocesi di tutto il mondo e non dipendenti diretti del Vaticano. Dice il capo della chiesa non può essere paragonato al CEO di una società.

      Gruppi delle vittime hanno detto Benedetto XVI, in particolare nel suo lavoro precedente alla testa del Vaticano dottrinale reparto, chiuso un occhio delle politiche globali delle Chiese locali, che si muovevano abusatori di parrocchia in parrocchia invece di riduzione allo stato laicale loro e consegnarli alle autorità.

      Il Vaticano ha negato questo. Il papa ha chiesto scusa per abusi nella Chiesa, ha incontrato vittime di abusi su molti dei suoi viaggi, e ordinò una importante indagine sugli abusi in Irlanda .

      Ma i gruppi che rappresentano alcune delle vittime dicono che il Papa lascerà ufficio con una macchia sulla sua eredità perché era in posizioni di potere in Vaticano per più di tre decenni, prima come più cardinale e poi come papa, e dovuto fare.

      Gli scandali iniziata anni prima l’allora cardinale Joseph Ratzinger è stato eletto papa nel 2005, ma la questione ha messo in ombra il suo papato fin dall’inizio, come sempre più casi sono venuti alla luce nelle diocesi di tutto il mondo.

      Non più tardi del mese scorso, l’ex arcivescovo di Los Angeles, il cardinale Roger Mahony, è stato spogliato dal suo successore di tutte le funzioni pubbliche e amministrative dopo migliaia di pagine di file dettaglio abusi nel 1980 sono stati resi pubblici.

      Mahony, che era arcivescovo di Los Angeles dal 1985 al 2011, ha chiesto scusa per gli “errori” che ha fatto come arcivescovo, dicendo che non era stato in grado di affrontare il problema di abusi sessuali che coinvolgono i bambini. Il papa non è stato chiamato in questo caso.

      Nel 2007, l’arcidiocesi di Los Angeles, che dosi per 4 milioni di cattolici, ha raggiunto un 660 milioni dollari insediamento civile con più di 500 vittime di molestie su minori, il più grande accordo di questo genere negli Stati Uniti.

      Portavoce vaticano, padre Federico Lombardi, ha detto che il Papa “ha dato alla lotta contro gli abusi sessuali un nuovo impulso, in modo che le nuove regole sono state messe in atto per prevenire gli abusi futuro e ad ascoltare le vittime. ‘Stato un grande merito del suo pontificato e per questo ci sarà essere grati “.

      (Segnalazione da Philip Pullella, Segnalazione supplementare da Robin Pomeroy, a cura di Simon Robinson e Giles Elgood)

      • “”””Per coloro che temevano che la querelle sulle accuse al Papa fosse tutta una bufala, esce una notizia di agenzia oggi 15 che parla della vicenda, accreditando quindi in pieno mainstream che il rischio di accuse e relative conseguenze è per il pontefice quanto mai concreto.”””

        ti ringrazio per aver dimostrato che non c’era nessun mandato d’arresto: la reuters che citi, infatti, non ne fa per niente cenno. :-D

        (il barbatrucco del complottista di far passare per possibile ciò che è vero colpisce ancora…i minorati mentali)

    4. fra84 scrive:

      è una cosa indegna,contro questo papa pur di screditarlo inventano le balle

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

    Ultime Notizie

    Presentazione del nuovo stadio della AS Roma

    Vogliono bloccare lo Stadio della Roma.

    20:38 Un emendamento al decreto Sblocca Italia, voluto dai parlamentari romani del Pd Umberto Marroni e Roberto Morassut e approvato in commissione ambiente alla Camera potrebbe rivelarsi deleterio per la società di Palotta. Che sarebbe costretta a compensare gli extravalori dell'impianto con un unico versamento finanziario e non più con le opere da costruire CONTINUA