|

L’onorevole: “Sono al ristorante a mangiare alla faccia sua”

L’onorevole Giuseppe Vatinno, scrive Repubblica in un articolo a firma di Alessio Sgherza, “insulta chi critica”.Repubblica cita anche una risposta a un utente di Twitter che l’aveva criticato:

«Godo molto nel non essere stato eletto (è subentrato a Leoluca Orlando, ndr) e che lei mi paghi lo stipendio. Sono al ristorante a mangiare alla faccia sua»

E ha torto anche sugli alieni, scrive sempre Repubblica:

«Cattaneo confonde lo studio di oggetti volanti non identificati con gli omini verdi che evidentemente affollano la sua mente da quando è divenuto direttore». Peccato che l’interrogazione sia agli atti e riporta, parlando dei misteri della cosiddetta “Area 51”: «Viene da pensare che abbiano taciuto proprio gli aspetti più intriganti, che magari potrebbe davvero riguardare gli alieni». Potrebbe. O almeno giustifica un pranzo fuori in più.

Insomma, dopo essere stato adeguatamente raccontato qui, l’onorevole che insulta tutti (cit.: Repubblica) è finito per diventare un caso nazionale. Mentre l’Italia dei Valori non ha ancora deciso se ricandidarlo o meno. E lui, ieri notte, ha annunciato querele su querele per tutti quelli che lo hanno criticato, affermando di essere stato “minacciato” da presunti “cybercoglionazzi” (promemoria per gli avvocati: “coglione” – e derivati – è un insulto). In attesa delle presunte querele, la certezza è che tutta Italia pensa di lui la stessa cosa. Chissà perché.

Gli articoli di Giornalettismo sull’onorevole Vatinno: