|

I 500 gatti salvati dalla pentola

Un camion che trasportava 500 gatti destinati ad essere cucinati è stato intercettato dalla polizia cinese nella città orientale di Xuzhou. Lo riporta il Telegraph.

UN AMARO DESTINO – I poliziotti hanno sentito miagolare sotto il telone che copriva il carico, così hanno chiesto ai grossisti cosa venisse trasportato. “Conigli”, è stata la risposta. In realtà, nel camion c’erano decine di gabbie di ferro arrugginite pieni di gatti. Negli ultimi anni, la voglia di carne di gatto, nel sud della Cina – in particolare nella regione del Guangdong – ha spinto alla creazione di una vera catena di fornitura, distribuita poi in tutto il paese.

SALVATI DALLE PENTOLE – In Cina non esiste una legge contro la vendita dei gatti, che non sono considerati come oggetti domestici. Gli “scippatori felini” in genere guadagnano circa 10 yuan (una sterlina) per ogni gatto venduto agli intermediari, che poi trovano il modo di trasportarli e distribuirli nel mercato. Il camion non aveva pertanto violato le leggi. La polizia ha però contattato alcune associazioni note per il loro impegno a tutela degli animali a Xuzhou, che hanno negoziato per quasi tre ore prima di raggiungere un accordo con i piloti per comprare il loro carico felino per 3.500 yuan (circa 350 sterline). Altro che sette vite: senza il loro intervento i gatti sarebbero finiti direttamente nelle cucine delle famiglie cinesi.

(foto: Telegraph)