|

“Ecco i conflitti d’interesse di Matteo Renzi”

Il Fatto Quotidiano pubblica, a firma di Marco Lillo, un articolo in cui rielabora quanto uscito nei mesi precedenti a proposito della famiglia Renzi e delle sue attività economiche. Lo schema del quotidiano è questo:

Tutto parte, come ai bei tempi di Craxi, da un cognato:

Si chiama Andrea Conticini, agente di commercio per i clienti (non istituzionali, tiene a precisare lui) della Dot Media, società che da un lato prende appalti dal Comune e dalle sue municipalizzate e dall’altro cura la campagna per le primarie del sindaco. Il cognato è agente anche della società della famiglia Renzi, la Eventi6 Srl, che ha fatturato quasi 4 milioni di euro nel 2011 curando anche la distribuzione e lo strillonaggio dei quotidiani a Firenze. Eventi6 è la società erede della storica Chil Srl, fondata da papà Tiziano Renzi, della quale Matteo Renzi è stato a lungo dirigente e socio fino al 2003. Eventi6 ha rilevato l’azienda della Chil nel 2010 e ha sede a Rignano sull’Arno, dove risiede la famiglia di origine di Matteo Renzi e anche Andrea Conticini, 31 anni, bolognese laureato in teologia, che non è solo il marito di Matilde Renzi, socia e consigliere delegato della Eventi6, ma anche il fratello di Alessandro Conticini, socio sia della Dot Media sia della Eventi 6 con una quota del 20 per cento.

Il Fatto ospita la replica di Renzi:

L’azienda della mia famiglia non ha più ricevuto un centesimo dal pubblico dal momento in cui ho iniziato a far politica. Se il fratello del marito di una delle mie sorelle acquista il 20% di una società che lavora con il pubblico non vedo come possa essere un problema per me. Assicuro sulla correttezza delle procedure del Comune.

Poi c’è la Dot Media, che ha lavorato alla campagna per l’elezione di Renzi a sindaco:

A quell’elezione ha contribuito anche la Eventi6 della famiglia Renzi: sul sito si vede il furgoncino retrò Iveco-Pavesi, intestato alla società, con sopra verniciato volto e slogan del futuro sindaco: “Firenze prima di tutto”. Nel 2009 Renzi vince e Dot Media fattura 137 mila euro, che diventano 214mila nel 2010, fino al boom dei 401 mila euro nel 2011.

La storia della Dot Media ricorre spesso:

Firenze Parcheggi guidata da Marco Carrai, collaboratore storico del sindaco Renzi, che guida il suo comitato elettorale, ha pagato 21 mila e 100 euro nel 2011 per campagne pubblicitarie come “C’è un posto per te”, “Motorini”, “Parcheggi Point”. Quasi sempre le municipalizzate hanno affidato gli incarichi a Dot Media senza una vera gara. Solo per la campagna “Latte toscano”, ha riferito in Consiglio comunale l’assessore Rosa Maria Di Giorgi, c’è stato “un confronto con le offerte di altre due società”. Tra i criteri adottati era fondamentale però la creatività, “sulla quale è determinante il giudizio del nostro ufficio marketing”.

L’intero articolo è disponibile nell’edizione odierna (31-10-2012) del Fatto Quotidiano.

LEGGI ANCHE: Vittorio Sgarbi, grave incidente d’auto per lui e l’autista