|

Quelli della Federazione Galattica di Luce e altri alieni

In realtà si tratta di una riedizione abbastanza scarsa di un copione collaudato e decisamente antico. George Adamski è stato il primo “contattista” che la storia registri, dando origine  a una schiera di emuli che ancora oggi si rinnova e che Wikipedia descrive come:

“una persona che afferma di essere entrata in contatto con intelligenze aliene. Il cosiddetto contattista si differenzia dall’abdotto perché i suoi contatti con i presunti alieni non avverrebbero in modo coatto ma consensuale e perché, molto spesso, egli si dichiara latore di un messaggio di rinnovamento per l’umanità.”

I PROFETI DEL 2000 – In pratica si tratta di un fenomeno vecchio come il mondo, quello dei profeti, gente che crede o finge di parlare a nome di una divinità o comunque di un’entità superiore e dotata di tecnologie superiori e di farsi tramite tra questa e l’umanità. Non stupisce quindi che uno dei più noti alieni che parla, parla e parla si faccia chiamare, modestamente, l’Arcangelo Gabriele.

DROGATI DAI MAYA – Un fenomeno che con l’avvento del 2012, la profezia dei Maya e lo sgonfiarsi delle fila dei fedeli nel big complotto ha trovato energie insospettate e, scoprendo i contattisti americani finalmente a tiro grazie alla rete, li ha adottati come moderni profeti dell’Apocalisse incombente, più o meno collegabile al manifestarsi degli alieni, che vivono già tra di noi. Ecco come si descrivono grazie alla preziosa opera di uno dei loro tramiti umani, con i quali comunicano attraverso le “canalizzazioni”, comunicazioni psichiche a distanze galattiche:

“Vale la pena ricordare che le nostre navi madre, sono ciò che  potreste chiamare, città aeree e in grado di rimanere stazionate sopra la Terra, per periodi estremamente lunghi. Essi contengono assolutamente tutto il necessario per esistere normalmente, ed è un’esistenza piacevole, e soddisfacente. Abbiamo basi sulla Terra, e anche i nostri alleati che sono della Terra Cava,  finalmente emergeranno per incontrarvi di nuovo. Ci sono anche le basi sul fondo del mare, alcuni dei quali hanno operato per migliaia di anni. Ci hanno permesso solitudine e privacy, lontano da occhi indiscreti, essendo situate fuori dalla portata dei vostri sommergibili, e ricercatori robotici. Alcune basi sono estremamente grandi e autoportanti, e possono ospitare centinaia di persone.

Alcune delle nostre basi, sono nelle profondità dei Monti, e del tutto sicure dal vostro sondaggio. Gli ingressi non sono visibili, e questo tiene fuori i curiosi. Queste erano più attivi nei tempi passati, quando abbiamo incontrato e aiutato gli abitanti locali, e questi incontri sono stati registrati da loro. Quindi, vedete, Carissimi, che mentre ci sono persone che stanno premendo per la divulgazione, qualcuno che cerca di trovare le prove delle nostre visite sulla Terra, non avrebbe difficoltà a farlo. Purtroppo, quando le prove sono state trovate, sono state in gran parte ignorate o nascoste, perché non in sintonia con la versione accettata del vostro passato. Tutto questo finirà per cambiare, e la verità vi sarà data, supportata da ampie prove. In passato quelli che hanno espresso la verità, sono stati perseguitati o emarginati e spesso condannati per le loro credenze.”

LEGGI ANCHE: “Hey, c’è un Ufo all’aeroporto di Bergamo”

 

TRAME INTRECCIATE E COLPI DI SCENA – Non è facile capire bene questo genere di annunci e non è facile districarsi neppure tra i diversi annunci che i diversi canalizzatori ricevono nel tempo. Più o meno ci sono i buoni che sono un’umanità evoluta che vorrebbe salvare quanti più terrestri possibile dall’autodistruzione (qui si tirano in ballo le catastrofi più diverse) attraverso “l’Ascensione” nella luce, per unirsi finalmente a loro, “figli della luce”. A questo fine ce ne sono che c’informano ad esempio che: “si stanno attivando le stringe di dna per attivare il corpo di luce per ascendere alla quinta dimensione” e come dovranno comportarsi quelli che dovranno recarsi in gruppo in cima a certe montagne per essere prelevati dalle astronavi-madre. Astronavi che quest’anno qualcuno ad esempio ha già avvistato grazie a Google Sky,   enormi e in rapido avvicinamento, senza magari sapere che già l’anno prima ci aveva provato un altro e che le astronavi sono ancora lì che le aspettano. In cima ai monti si consiglia di creare un “ambiente spirituale a spiritualità avanzata, non infiltrato da esseri umani negativi”, lasciando a casa preferibilmente i vecchi, i malati e i depressi.

LE DELUSIONI – I “portatori dell’alba e figli della luce” hanno tirato il pacco all’appuntamento annunciato per l’estate da tanti contattisti, c’era chi diceva che dovessero apparire durante le olimpiadi, chi che l’Ascensione sarebbe cominciata in agosto, un casino, tanto che c’è pure chi alla fine si è dissociato e che, come fecero gli avventisti dopo aver mancato la previsione per la fine del mondo, ha pensato bene di spostare molto in avanti l’ora dell’appuntamento: “La presente per dissociarmi  da alcuni contenuti di questo sito  relativi all’Ascensione nel 2012. In quanto OGGI ritengo questa teoria prematura di alcune migliaia di anni.” Poi ci sono quelli che hanno rivelato che si era trattato di un inganno dei cattivi per prendersi gioco di loro e fargli fare brutta figura, e il circo è ripartito.

 

SONO TELENOVELE – Se qualcuno si chiede come sia possibile che dopo il primo pacco gli appassionati del genere restino appesi ai blog dei profeti preferiti e continuino a credere in queste cosine, la risposta è che come in tutte le narrazioni seriali l’evento definitivo non si verifica mai a causa d’imprevisti e colpi di scena. Non ci sono infatti solo i portatori di luce, ci sono anche alieni bruticativi che a volte ingannano i canalizzatori, fingono di portare la luce e invece li inducono a fare delle figuracce e ad annunciare eventi che invece sono inganni per allontanare dall’Ascensione quelli che vi ripongono meno fede.

COPIONI OPEN SOURCE – Così, come in una telenovela di quart’ordine, ma scritta a più mani attingendo ai classici della religione e della fantascienza, negli Stati Uniti fanno i contatti e si raccontano le loro storie, che poi sono tradotte in Italia dai fan del genere, che ne discutono l’esegesi e s’interrogano se a parlare sono i portatori di luce o quegli infami che vivono già tra di noi per ostacolare il nostro sviluppo e il percorso verso l’Ascensione, evitando così che i buoni intergalattici aumentino di numero e forza.

UN FILONE DEPRIMENTE – Leggendo estemporaneamente certe sparate o osservando blog e siti che li ospitano pensavo ci fosse ampio margine per farsi grasse risate, ma mi sono dovuto ricredere, fanno sorridere quanti li prendono in giro, ma finisce subito. Nonostante il gran parlare di gioia e di buone intenzioni, l’impressione che lascia questo mondo è quello di una specie di gioco di ruolo nel quale molti dei partecipanti faticano a rendersi conto di  prendere parte a un tipo d’inganno vecchissimo e di consumare la versione provinciale di un prodotto che già negli Stati Uniti è considerato scadentissimo e marginale. Un gioco che offre ben poca gioia anche a chi goda semplicemente ad inventarsi delle storie.

Una fiera che fortunatamente non fa troppi danni e che tra i danni collaterali, ma che paradossalmente annovera la lesione della dignità di quanti in buona fede, e senza cedere ai misticismi e ai fanatismi, credono alla possibilità dell’esistenza di altre forme di vita nell’universo e nella possibilità di entrare in contatto con loro con mezzi più prosaici, come le trasmissioni radio o le sonde spaziali. Poveri sfortunati che si perdono le storie di questi verbosissimi alieni e che poi finiscono comunque per essere accomunati con gente che scrive cose come: “Selamat Majon! Selamat Kasijaram! (in siriano: Rallegratevi! Siate benedetti nell’Amore e la Gioia del Cielo!)”. E tragicamente il siriano non è la lingua di una benedizione proveniente dalla tormentata Damasco, ma dalla stella Sirio, i cui abitanti sono nella Federazione Galattica di Luce e quindi dovrebbero essere buoni come i Pleiadiani, almeno così dicono. Non resta che attendere la fine del 2012 per vedere come sopravviverà questo mondo all’ennesima delusione, dicono tutti che ormai manca poco.

 

 LEGGI ANCHE: