L’auto ad aria compressa è realtà. Forse

Guy Negre head of MDI (Motor development

La lussemburghese Mdi è pronta a produrre delle vetturette ricaricabili al prezzo di massimo due euro, le quali verrebbero prodotte in cinquanta stabilimenti in tutta Europa, di cui venti in Sardegna. Eppure questo modello avrebbe dovuto vedere la strada già qualche anno fa, cosa che poi non avvenne...

E voi la comprereste un’auto ad aria compressa? Entro il prossimo anno quella che sembra un’utopia potrebbe trasformarsi in realtà grazie ad AirPod, ovvero la vettura del futuro.

GUSCIO - Questo mezzo è prodotto dalla lussemburghese Mdi, Motor Development International, in collaborazione con il colosso indiano Tata Motors, partner tra le altre del gruppo Fiat. Questa macchina costerà circa 7 mila euro per il modello più economico e sarà caratterizzata da un motore in alluminio “protetto” da un guscio ovale in vetroresina. La sua velocità massima sarà di 80 chilometri all’ora, sempre per la versione base. AirPod non inquina, si guida con un joystick invece del volante e fa 100 chilometri con un pieno.

SETTE MILA AUTOVETTURE A FABBRICA - Il proprietario potrà farlo in circa tre minuti presso stazioni di servizio oppure con metodi fai-da-te. AirPod potrà essere acquistato solo attraverso le fabbriche di produzione. Niente concessionarie, quindi. “La prima sarà in Sardegna, che ha le caratteristiche ideali per questa innovazione”, ha spiegato il progettista, il francese Cyril Negré. Ogni impianto è in grado di produrre fino a 7 mila autovetture l’anno, mentre il prossimo anno, oltre che in Italia, quest’auto debutterà anche in altri Paesi, a partire da Francia e Belgio. La casa produttrice, la Motor Development International ha già deciso che le fabbriche in tutta Europa saranno 50.