|

Il Pd del Lazio e l’allegra enoteca di Esterino Montino

Mercoledì scorso su Giornalettismo abbiamo parlato delle spese del gruppo regionale del Partito Democratico. Prima di pubblicare l’articolo abbiamo chiamato Luca Benigni dell’ufficio stampa del Pd nel Lazio per chiedergli spiegazione di alcune spese. Inizialmente il responsabile dell’ufficio stampa era stato molto disponibile, ma ad oggi, nonostante le ripetute sollecitazioni, non abbiamo ancora ottenuto risposta. L’articolo si intitolava “Il Pd e i soldi dei cittadini spesi per il vino” (LEGGI QUI), e le richieste di chiarimenti erano queste:

Dopo che anche altri giornali (il Corriere, l’Espresso), si sono occupati della questione, Esterino Montino ha risposto ad alcune domande sulle spese con il Corriere della Sera di Roma, in un’intervista a firma di Alessandro Capponi. Nella quale il giornalista chiede giustamente a Montino perché sono stati spesi 4500 euro in enoteca. La risposta è disarmante:

Ora, a una persona distratta o in malafede e cattiva-cattiva con il povero Pd potrebbe anche capitare di comprendere che Montino sostiene di aver comprato regali per bambini in un’enoteca. Siccome non sarà sicuramente così, restiamo in paziente attesa dei tempi del Partito Democratico, che è in attesa di “ricevere dal commercialista le risposte”, e “se avrà tempo” (sempre parola di Luca Benigni) ci risponderà entro stasera. Nel frattempo, prosit: uno la trasparenza non se la può mica dare.

 

Edit. La risposta del gruppo del Partito Democratico (e una controreplica) in questo articolo