Delfini come persone? Gli scienziati dicono sì

“La loro definizione più adatta è persone non umane”, dichiarano. Il loro modo di comunicare è simile a quello dell’uomo,...

“La loro definizione più adatta è persone non umane”, dichiarano. Il loro modo di comunicare è simile a quello dell’uomo, e sono più brillanti degli scimpanzé

Definirli animali intelligenti è troppo poco: i delfini sono molto più simili agli essere umani di quanto comunemente si pensi. Una serie di studi sul loro comportamento effettuati nelle università hanno evidenziato come il loro modo di comunicare sia simile a quello degli esseri umani e che sono più brillanti degli scimpanzé. Una serie di teorie sostenute da ricerche anatomiche  dimostrano che il cervello dei delfini ha molte caratteristiche chiave associate con intelligenza sviluppata. Per questo i ricercatori sostengono che è moralmente inaccettabile tenere questi animali intelligenti nei parchi di divertimento o uccidere gli animali per nutrirsi o durante la pesca. Circa 300.000 balene, delfini e focene muoiono in questo modo ogni anno.

DEI CERVELLONI! – “i cervelli dei delfini sono più grandi del nostro in valore assoluto e secondi solo al cervello umano, se considerati rispetto alle dimensioni del corpo“, ha detto al Times on line Lori Marino, zoologo presso la Emory University di Atlanta, in Georgia, che ha usato la risonanza magnetica per mappare il cervello delle specie di delfini e per confrontarli con quelli dei primati.”La Neuroanatomia suggerisce la continuità psicologica tra gli esseri umani e delfini e ha profonde implicazioni per l’etica delle interazioni uomo-delfino“, ha aggiunto. I delfini sono da tempo riconosciuti come tra i più intelligenti, ma molti ricercatori li avevano classificati dopo gli scimpanzè, i quali possono raggiungere l’intelligenza di un bambino di tre anni, come alcuni studi hanno dimostrato. Recentemente, tuttavia, una serie di studi comportamentali hanno suggerito che i delfini, soprattutto di specie come il tursiope, potrebbero essere più intelligenti dei primati. Gli studi mostrano come i delfini hanno personalità distinte, un forte senso di sé e la capacità di pensare al futuro.

INTELLIGENZA SVILUPPATA – In uno studio, Diana Reiss, professore di psicologia presso l’Hunter College di New York, ha dimostrato che i tursiopi possono riconoscersi in uno specchio, e utilizzarlo per controllare le varie parti del loro corpo, una capacità che fino ad ora si era stato creduta limitata agli esseri umani e alle grandi scimmie. E gli animali in cattività anche avuto la capacità di imparare rudimentale linguaggio basato su simboli,possono risolvere problemi complessi, mentre quelli che sono in libertà vivono in modalità che implicano complesse strutture sociali e un elevato livello di complessità emotiva. In un caso recente, un delfino salvato per un incidente durante la convalescenza di tre settimane in un delfinario in Australia aveva imparato il trucco di mettersi in piedi sulla coda. Dopo che è stato liberato, gli scienziati si sono stupiti nel rendersi conto che il delfino stava insegnando la sua nuova abilità imparata durante la cattività ai suoi compagni selvatici. E alcuni esemplari che vivono al largo dell’Australia occidentale che hanno imparato a tenere spugne sui loro musi per proteggersi durante la ricerca di pesci spinosi sul fondo dell’oceano.

TENERE COMPORTAMENTI COMPLESSI – Una serie di prove che dimostrano, per esempio, come i delfini possano cooperare con precisione militare per accerchiare banchi di pesce durante la caccia, hanno sollevato interrogativi circa le strutture cerebrali che ne sono alla base. I ricercatori hanno scoperto che le dimensioni del cervello variano enormemente,tra le specie di cetacei più piccoli, come il delfino del Gange, fino ad arrivare a più di 10 kg per i capodogli, il cui cervello è la più grande del pianeta. Quando si tratta di intelligenza, però, la dimensione del cervello è meno importante rispetto alla proporzione rispetto al corpo. Quello che Marino e i suoi colleghi hanno scoperto è che la corteccia cerebrale dei delfini è così sviluppata che “rapportandola anatomicamente alla possibilità di sviluppare capacità cognitive è seconda solo al cervello umano“. E la corteccia cerebrale dei delfini come il tursiope presenta la stessa conformazione di pieghe contorta che è strettamente collegata con l’intelligenza umana.  Queste pieghe aumentano il volume della corteccia cerebrale e la capacità delle cellule cerebrali a collegarsi tra loro. “Nonostante l’ evoluzione sia andata lungo una traiettoria diversa per gli esseri umani, il cervello dei cetacei ha caratteristiche che sono correlate con l’intelligenza complessa“, ha detto Marino. Marino e Reiss presenteranno le loro conclusioni in una conferenza a San Diego, California, il prossimo mese, concludendo che i nuovi elementi di prova circa l’intelligenza dei delfini rende moralmente ripugnante maltrattarli, insieme Thomas White, professore di etica alla Loyola Marymount University,il quale pensa che i delfini dovrebbero avere dei diritti: “La ricerca scientifica. . . suggerisce che i delfini sono ‘non-persone umane’ che si qualificano per la legittimazione morale come individui “.