La simbologia massonica

Il nostro mondo è permeato di oscuri messaggi massonici? Numerose persone sono convinte che la nostra società è guidata da...

Il nostro mondo è permeato di oscuri messaggi massonici?

Numerose persone sono convinte che la nostra società è guidata da misteriose e segretissime logge massoniche che sfruttano qualsiasi occasione per lanciare messaggi occulti destinati ai propri affiliati o a quelli di altre sette o a condizionare il nostro pensiero in via subliminale. Prima di esaminare qualcuna di queste curiose convinzioni, cerchiamo di chiarire il senso della parola Massoneria. Cos’è la Massoneria, e chi sono i Massoni? Considerato che le logge massoniche sono un segreto di Pulcinella, al punto che alcune hanno persino il sito Web, vediamo che descrizione danno di sé stesse.

CHI SIAMO - “La Massoneria è una delle più antiche e secolari società di uomini che hanno cari i valori morali e spirituali… L’essenziale qualificazione per essere ammessi in Massoneria è di credere nell’Essere Supremo, in Dio, senza discriminazioni per il credo religioso professato… La Massoneria ha tre grandi principii : amore fraterno, carità e verità”. Questo riporta il sito Internet della Gran Loggia Regolare degli Antichi, Liberi e Accettati Muratori d’Italia, che – badate bene – è l’ “Unica Obbedienza Massonica Italiana Riconosciuta dalla Gran Loggia Unita d’Inghilterra”. Non molto diversamente, sul sito Grande Oriente d’Italia leggiamo: “La Massoneria del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani è un Ordine iniziatico i cui membri operano per l’elevazione morale e spirituale dell’uomo e dell’umana famiglia. La natura della Massoneria e delle sue istituzioni è umanitaria, filosofica e morale. Essa lascia a ciascuno dei suoi membri la scelta e la responsabilità delle proprie opinioni religiose, ma nessuno può essere ammesso in Massoneria se prima non abbia dichiarato esplicitamente di credere nell’Essere Supremo”. Sono davvero parecchie, in Italia e nel mondo, le logge massoniche presenti sul Web, e ci sono anche numerose riviste, scritte e online, come Pietre . Come si diventa Massoni? Ogni loggia ha le sue regole di ammissione, ma non vengono pubblicate, segno che generalmente l’affiliazione avviene per conoscenza diretta e approvazione da parte degli “organi sociali” della setta. Di certo sappiamo chi non può far parte della Massoneria: le donne. Il Grande Oriente, ad esempio, spiega: “I Massoni hanno stima, rispetto e considerazione per le donne. Tuttavia, essendo la Massoneria l’erede della Tradizione Muratoria operativa, non le ammette nell’Ordine”.

SEGRETI? - Tanto basta a concludere che i Massoni saranno pure segreti, occulti e potenti… ma sono letteralmente e intrinsecamente sfigati. A parte i requisiti formali (credere nell’Essere Supremo, prestare giuramento, forse andare in giro con un cero acceso…) di fatto la Massoneria è un insieme di associazioni, non segrete (la legge italiana vieta categoricamente le società segrete) ma sicuramente molto riservate che in fin dei conti si discostano poco da lobby, gruppi di potere e circoli riservati i quali senza tanti fronzoli assolvono direttamente o indirettamente alla funzione di esercitare pressioni, convogliare favori, scambiare cortesie e tutto quello che possiamo immaginare. A dirla tutta, qualsiasi partito politico, in fondo, è una specie di loggia. Basta sostituire l‘Essere Supremo con il segretario del partito e il gioco è fatto. In altre parole, una loggia Massonica può essere innocua come un dopolavoro ferroviario o potente come una lobby di banchieri, non è la forma dell’associazione a determinarne potere e forza ma il numero, la qualità e la volontà dei suoi associati. La P2 di Licio Gelli, ad esempio, avrebbe potuto essere tranquillamente costituita nelle forme di un’associazione culturale anziché di una loggia massonica, e non sarebbe stata diversamente potente o pericolosa.

ORGANIGRAMMA - Però l’aria di mistero che circonda la Massoneria, le sue antiche tradizioni e la simbologia inquietante fanno il loro effetto e contribuiscono a mitizzarla e a diffondere teorie che la vogliono capace di controllare i destini dell’umanità. I sostenitori di queste teorie puntano il dito sui messaggi simbolici della Massoneria, vere e proprie tracce (secondo loro) della sua onnipresenza. Ecco quindi che il biscione del logo di Canale 5 rappresenta il simbolo massonico del serpente, mentre il numero 5 rappresenta il pentacolo; la parola Mediaset è l’unione tra Media (informazione mediatica) e Set (Satana) per cui significa “informazione di Satana”; il triangolo con l’occhio che sovrasta piramide tronca sulla banconota da un dollaro rappresenta l’Essere Supremo massonico; il Pentagono, simbolo militare degli Stati Uniti, è un evidente richiamo al pentacolo; un compasso e una squadra disegnati su un fumetto di Topolino dimostrano che la Walt Disney è una casa produttrice massonica (e del resto, il Gran Mogol delle Giovani Marmotte non è altro che il Gran Maestro delle logge massoniche); persino Prezzemolo, il pupazzo simbolo di Gardaland, sarebbe un perfido drago massonico.

NUMERI! – La verità è che ciascuno dei loghi citati ha una precisa ragion d’essere, che non c’entra affatto con la Massoneria. Ad esempio il biscione è un simbolo storico e tradizionale della città di Milano. La piramide della banconota da un dollaro è fatta di 13 file di mattoni che rappresentano i primi 13 Stati americani, l’occhio iscritto nel triangolo è il simbolo di Dio che benedice la nascita degli Stati Uniti (c’è infatti l’iscrizione “Annuit Coeptis” che significa appunto questo), compassi e squadre appaiono nei fumetti di Walt Disney esattamente quando servono a rappresentare comuni oggetti sui tavoli di disegno e di progettazione, e Set o Seth è un dio egizio che non ha nulla a che spartire con Satana. In effetti la teoria dei simboli massonici fa un assortito minestrone tra una serie di fatti, miti e leggende molto diversi tra loro: pesca dal mito degli Illuminati, dalla storia della Massoneria, dalle culture dell’antico Egitto e delle popolazioni latino-americane, dalle religioni, dall’alchimia, dal sanatismo, dalle crociate, dalla numerologia, dai tarocchi e dall’astrologia… riconducendo tutto e tutti a una simbologia massonica di pura fantasia. Così qualsiasi numero, qualsiasi cifra, qualsiasi figura geometrica e qualsiasi animale finisce per avere un significato massonico. Il numero 1 è l’essere supremo, il numero 2 rappresenta l’unione tra due triangoli equilateri ossia la stella a sei punte, il numero 3 indica la trinità divina e il triangolo… e così via.In realtà, se consideriamo la Massoneria dal punto di vista storico e tradizionale, prendendo a riferimento la sua nascita nella forma della Gran Loggia di Inghilterra, nel 1717, notiamo che il suo simbolo è quello del compasso e della squadra. Difatti la massoneria affonda le sue radici nelle confraternite dei muratori, ossia di quelle maestranze che lavoravano alla costruzione di edifici, templi, chiese, luoghi di culto. I muratori si distinguevano in apprendisti, compagni d’arte e maestri. Si trattava di persone esperte, stimate e rispettate, che custodivano gelosamente i segreti della progettazione edile. Al compasso e alla squadra si sono affiancati nel tempo pochi altri simboli: la croce cavalleresca, il Sole, la Luna, il triangolo equilatero, le foglie di acacia. Alcuni sono molto comuni, e pertanto non ha senso accostarli arbitrariamente alla Massoneria, mentre le foglie di acacia sono legate alla tradizione di Hiram, l’architetto che progettò il tempio di Gerusalemme. Tutto il resto, numeri, teschi e animali compresi, sono forzature e libere interpretazioni che con la Massoneria, antica e moderna, c’entrano poco o nulla.