|

“Ha ucciso di botte lo stupratore della figlia? E’ innocente”

Non può essere processato il padre che ha ucciso il violentatore della figlia di cinque anni. La decisione del tribunale di Lavaca County, nel Texas, è destinata a far discutere.

RISPOSTA LEGITTIMA – Come spiega la Cnn, per il giudice Heather McMinn “le prove presenti dimostrano come il padre abbia agito in risposta a quanto successo in quel giorno”. Il fatto è avvenuto nella città di Shiner, tra Houston e Sant’Antonio, città popolata in totale da 3,500 persone. L’uomo, rimasto anonimo per proteggere la famiglia, chiamò il 911 per salvare la vita del violentatore, Jesus Mora Flores, 47 anni, nonostante lo avessero colto in piena violenza. L’uomo, lavoratore messicano, avrebbe approfittato di un momento concitato nel ranch di famiglia a seguito della fuga di un cavallo.

SCOPERTA ED OMICIDIO – Al momento della violenza erano sette le persone presenti. Quattro familiari, due lavoratori e l’uomo messicano il quale ha approfittato della piccola di cinque anni impegnata a dare da mangiare alle galline. Il padre ha sentito le grida della ragazza ed è accorso scoprendo l’uomo in piena flagranza. A quel punto il padre ha iniziato a colpirlo in testa uccidendo il criminale. Dalle registrazioni della chiamata al 911 si sente il papà in evidente stato di disperazione impegnato a chiedere un ambulanza per salvare il violentatore. La famiglia ha fatto di tutto per salvare il messicano praticando anche un massaggio cardiaco ma non c’è stato niente da fare. Visto però la mole di prove presenti il giudice non ha ritenuto necessario procedere ulteriormente definendo il caso “il più chiaro della mia carriera”.

 

LEGGI ANCHE: