Il cancro che si “cura” con il bicarbonato

16/05/2012 - di

...e altre bufale complottiste: ci sono criminali che guadagnano soldi con le cure alternative e la loro illustrazione. E, per fortuna, anche medici seri che studiano i fenomeni. E sanno misurare le parole di una scoperta scientifica di grande importanza

Il cancro che si "cura" con il bicarbonato

Esistono persone geniali, incomprese per decenni che sono destinate, infine, alla gloria; ma si sa, i geni devono essere umiliati e soffrire a lungo prima di essere capiti. E’ un destino triste ma ne vale la pena, visti i vantaggi che l’Umanità potrà trarne.

FACCIAMO UN ESEMPIO – Un esempio. C’è una lunga serie di articoli, commenti, interviste, inchieste, siti internet e blog, nei quali si vuole fare intendere che uno dei più gravi problemi del genere umano si possa risolvere piuttosto facilmente; solo che, ci spiegano, ci sono poteri oscuri che preferiscono lasciare le cose come stanno. Il problema di cui si parla e che le forze del male non vogliono risolvere, non è il traffico, come sosteneva l’avvocato di Jonny Stecchino, bensì il cancro. Ed è una faccenda piuttosto seria.

ALLA FACCIA DEL BICARBONATO – C’è un filone particolare della ricerca contro questo tipo di patologie che ha quasi dell’incredibile. Negli Stati Uniti, ma esistono ricerche anche in Italia, si sta studiando da molti anni il bicarbonato di sodio come coadiuvante alla chemioterapia. Questo non significa ovviamente, che bere un bicchiere di acqua e bicarbonato faccia guarire dalla malattia. Si studia il bicarbonato, come anche, con altrettanta attenzione, migliaia di molecole, ormoni, farmaci nuovi e vecchi, estratti naturali, manipolazioni del DNA e tanto altro.

IL RAGIONAMENTO DEI NOBEL MANCATI – Ma qualche genio della medicina, purtroppo ancora non riconosciuto dalla commissione del Nobel, ha già trasformato gli studi con il bicarbonato in terapia. Come? Con un ragionamento del genere: il cancro è un fungo e si sviluppa in ambiente acido: cosa c’è di meglio del bicarbonato di sodio, che appunto, è un antiacido? Geniale. Come non averci pensato prima? E’ l’uovo di Colombo (Cristoforo Colombo), è la leva di Archimede, è la somma che fa il totale, come insegnava Totò. C’è qualcuno che ci crede? Sì. Per avvolgere in un ambito di autorevolezza taluni ragionamenti, di solito si cerca di richiamare studi seri, libri di autori importanti, relazioni scientifiche accettate. Ci si appropria, citandole a sproposito e solo in parte, di fonti che di per sé hanno un fondamento, una autorevolezza. Si tratta di un metodo vecchio, che a volte funziona. Potrebbe funzionare quando i destinatari dei ragionamenti non hanno possibilità, voglia o capacità di andare a studiare le fonti che vengono richiamate, e quindi si affidano a questi ragionamenti di seconda mano. Non è detto che ci sia necessariamente della malafede in questo tipo di operazioni. A volte, più semplicemente, a proporre simili interpretazioni sono persone che ci credono davvero, apprendisti stregoni che non sanno di esserlo; sprovveduti convinti di essere nel giusto. A volte invece, non pensare alla loro malafede, risulta arduo. Dobbiamo andare avanti per  esempi. Eccone uno: il sito internet LALEVA.org. A questo link   c’è un lungo articolo che esordisce dicendo che è stato finanziato uno studio, presso l’Università dell’Arizona per una ricerca sull’uso del bicarbonato di sodio per la cura del cancro al seno. La notizia è vera, come vedremo. Il testo continua con frasi di questo genere :”Ovviamente ci sono studiosi che hanno capito che il bicarbonato di sodio (baking soda), che è la stessa cosa che può salvare la vita di una persona al pronto soccorso in un attimo, è una delle prime opzioni più sicure ed efficaci per la cura del cancro”.

23 Commenti

  1. pio scrive:

    I grandi medici di cui parli anche loro curano con il bicarbona.Il bicarbonato di frottole.Studiano da 50 anni e ancora non sanno come si provoca il cancro. Figuriamoci curarlo.
    Oppure in molti casi lo sanno come si provoca, ma non FANNO niente.In molti altri casi lo provocano quando sostengo politiche fanno scelte cancerogene. Nessuno parla di prevenzione primaria.
    L’Italia è il Paese europeo dei 27 che consuma più pesticidi.Il bel Paese è quello che ha nel latte materno più DDT e Diossina.
    Questo sporco Paese è quello che ha il cancro in forte crescita.

    • nonno scrive:

      guarda che i biologi sanno benissimo cosa provoca il tumore a livello meccanico e pratico
      i medici sono spesso dei cialtroni, specialmente gli statali, prendono un sacco di soldi ma senza i ricercatori e i biologi non sarebbero proprio nessuno
      il bicarbonato cura l’acidosi in cui va l’organismo con certi tipi di tumore, ma non è che quella sia la causa, è una conseguenza ma da qui a guarire ce ne vuole
      piuttosto possiamo dire che la dieta occidentale industriale induce uno stato di acidosi permanente nel sangue che bene certamente non fa
      ciao

  2. paolo c. scrive:

    Ma figuriamoci, ce n’è di creduloni. Io, se mi ammalassi di cancro, col cavolo che mi rivolgo a cure non validate! Mica voglio morire per gli effetti mortali del bicarbonato, o per quelli mortali dell’olio di ashish, o magari per le pericolose sostanze contenute nella dieta di soli vegetali della cura Gherson! Nononono! Io preferisco attendere pazientemente le validazioni in doppio cieco, e semmai, se non mi basta il tempo, voglio serenamente morire a causa degli effetti oncogeni o velenosi di tanti antitumorali! Ecco!

  3. Mauro scrive:

    Grandi sciocconi!…. di seguito inserisco il link dove l’istituto superiore di sanità italiana dichiara che il tumore si cura pure col bicarbonato assunto addirittura oralmente!……
    continuate ancora a farvi prendere in giro da tutti i luminari: luminari medici, luminari politici ecc.. che hanno solo l’interesse a lauti guadagni!…. tanto poi ha pagare è sempre il pollo cittadino medio con la propria salute con le tasse eccetera…

    • pasquale veltri scrive:

      Mauro, scusi. Non ha letto il mio articolo oppure non sono stato abbastanza chiaro? Il link che ha postato Lei, è lo stesso che abbiamo postato noi, dove parlo proprio del comunicato dell’ISS. E’ sicuro che dall’IStituto Superiore di Sanità stiano dicendo che basta bere del bicarbonato di sodio?

      • Mauro scrive:

        E allora legga questa notizia del centro di ricerca tumori americano!….
        http://cancerres.aacrjournals.org/content/69/6/2677.short

        • pasquale veltri scrive:

          Ma vuole fare a gara a chi trova articoli nuovi e diversi?
          Nell’articolo che mi consiglia si parla di ruolo potenziale. Il sottotitolo in grassetto del mio articolo dice: “…e altre bufale complottiste: ci sono criminali che guadagnano soldi con le cure alternative e la loro illustrazione. E, per fortuna, anche medici seri che studiano i fenomeni. E sanno misurare le parole di una scoperta scientifica di grande importanza “. Medici seri che studiano i fenomeni e sanno misurare le parole. Il problema è capirle, le parole.
          E io non ho capito il suo punto di vista, mi perdoni.

  4. Mauro scrive:

    http://www.iss.it/pres/prim/cont.php?id=1093&lang=1&tipo=6

    Guardate, leggete meditate e non fatevi prendere in giro dai “luminari” dei miei stivali bravi solo ad accumulare denari!….

  5. giuseppe scrive:

    Invito tutti a leggere sul sito http://www.disinformazione delle scoperte mai divulgate del dott. hamer sulla cura del cancro !

  6. tony scrive:

    Mi scusi ma lei come fa a postare un articolo in cui L’Iss afferma che gli antiacidi possono curare o potrebbero il cancro, addirittura sostituire la chemioterapia,e burlarsi di chi sostiene che il bicarbonato(antiacido naturale)possa essere utile contro il cancro,…qui non si tratta più di opinioni o complottismi,qui si tratta di andare contro il buon senso.
    Continui a informarsi non dia una frenata alla sua perspicacia!

    • pasquale veltri scrive:

      Grazie per il commento, innanzi tutto. Direi che mi burlo di quei ciarlatani che assicurano che il cancro, OGGI, si possa curare con flebo di bicarbonato. Mentre stavo pensando l’articolo, sono andato a cercare i comunicati stampa sia dell’ISS che di due università americane proprio per controllare precisamente la questione. Tutti parlano di studi sul bicarbonato che potrà (forse e in futuro) aiutare la terapia antitumorale. E’ una notizia ottima, che spero sia presto confermata e convalidata.

      • P. Baiti scrive:

        Articolo sicuramente interessante ma..se risulta chiaro che non esistono articoli scientifici, autorevoli e confermati, che dimostrano l’efficacia o l’utilità del bicarbonato nella cura del cancro, bisogna anche chiedersi se parimenti esistano articoli scientifici, sempre autorevoli e confermati, che ne dimostrino la totale NON efficacia. Altrimenti, sebbene sia corretto tacciare coloro che utilizzano la cura col bicarbonato di incompetenza scientifica, forse non è del tutto corretto tacciarli di essere stregoni o ciarlatani. Si rischia così di cadere nel loro stesso errore logico. La medicina antica ha utilizzato con successo cure che solo recentemente sono state scientificamente validate. Filosofi del passato avevano intuito la struttura atomica dell’universo, senza poterla provare scientificamente. Erano per questo degli stregoni? Forse che gli atomi abbiano iniziato a esistere solo quando la loro esistenza è stata “provata”?. Solo ieri ho letto il seguente titolo: “Scoperta la particella di Dio, adesso l’universo è più stabile”. Onestamente ritengo che l’universo se ne freghi di ciò che pensa o abbia compreso l’uomo, e che oggi sia tanto stabile quanto lo era ieri o sarà domani. Cordiali saluti, P.B.

        • non esistono nemmeno articoli scientifici che escludono l’efficacia delle caramelle mou nella cura del cancro. Dici che questo le rende efficaci nel curarlo?

          • P. Baiti scrive:

            La sua è chiaramente una provocazione. La validità della “cura” con il bicarbonato non spetta a me deciderla. Sarà la sperimentazione, speriamo fatta in maniera rigorosa e non di parte, a stabilirla. La questione è che in molti articoli come questo, comunque interessanti, c’è una (talvolta celata) presa di posizione che non riesco a condividere. Riformulando la mia precedente domanda (e premettendo che non sono un medico e che dunque è una vera domanda in cerca di una vera risposta): è così evidente che il bicarbonato non possa avere alcun effetto (e tale da non dover neppure prendere in considerazione una possibile sperimentazione)? Credo che la scienza, pur provando e dovendo valutare a priori la probabilità della validità o meno di un’ipotesi, in modo anche da ottimizzare l’indirizzamento delle risorse, nei casi dubbi dovrebbe comunque attuare quella che comunemente viene chiamata “sospensione del giudizio”. Fino a prova definitiva.

  7. pasquale veltri scrive:

    Gentile sig. Baiti, rispondo volentieri alla sua domanda. Lei dice: è così evidente che il bicarbonato non possa avere alcun effetto (e tale da non dover neppure prendere in considerazione una possibile sperimentazione)? La mia personale risposta è nel testo dell’articolo e nei commenti.La notizia da cui eravamo partiti è proprio quella del finanziamento di due milioni di dollari per lo studio del bicarbonato. E il riferimento al documento dell’ISS va nella stessa direzione. Che si studi pure il bicarbonato, come si stanno studiando farmaci, molecole, sostanze e chissà cos’altro. E’ una buona notizia che ci siano scienziati che fanno ricerca. Vorrei che questo concetto fosse chiaro. Gli apprendisti stregoni e gli alchimisti sono altra cosa, per fortuna. Grazie per la sua cordialità.

  8. Giulio Moirano scrive:

    Scusate ma su questi vostri commenti non leggo della cura del cancro con il bicarbonato sviluppata dal dott. Simoncini. Io ho letto molto sul caso Simoncini e ho visto e letto moltissime testimonianze di persone che erano date per spacciate dalla medicina tradizionale e che affermano di essere guarite con la cura Simoncini.
    Ora mi chiedo: ma queste persone, e sono tante, sono tutte dei complottisti? E se mi dovessi ammalare di cancro, potrei scartare a priori una cura così semplice e poco invasiva?

    Attendo una vostra risposta.

    Grazie

    • K scrive:

      Se è per questo ci sono anche tante persone che dicono diessere state rapite dagli alieni e pure “sondate” in tutti gli orifizi, alcune sono pure rimaste incinte, sa?

      • Giuliano scrive:

        Voglio dire a tutti coloro che non credono nella medicina alternativa,solo a quella riconosciuta dalla sanita’

        Nom esiste un ammalato di sclerosi multipla che dica il metodo zamponi fa’ male o non serve a nulla, ma la sanita’ continua a non riconoscere e a dire il contrario per il semplice fatto che l’inteferone come la chemio non ha mai guarito nessuno ma arricchito molti, parlo per esperienza personale, mia moglie soffre di sclerosi da piu’ di 20 anni, e grazie per non aver fatto l’interferone è l’unica dei nostri amici ammalati di sclerosi che cammina, guida, pulisce casa ecc..ecc…

        Sig. K sa che lei è informato male sa?

  9. Giulio Moirano scrive:

    Comunque chi vuole legga le informazioni su questo sito circa gli studi fatti dalla medicina ufficiale sulla possibilità di utilizzare il bicarbonato di sodio nella cura al cancro.
    http://www.engineering.arizona.edu/news/story.php?id=429
    A me non sembra che l’argomento si possa liquidare con le semplici parole di “K”

    • pasquale veltri scrive:

      Gentile signor Moirano, Le consiglio di guardare i link proposti nell’articolo e di leggere tutti i commenti, per avere di una visione d’insieme più esauriente.

  10. sergio scrive:

    dovere seguire i consigli di quel medico primario di un ospedale che dice che un pizzico di bicarbonato è mortale (alcalosi metabolica) .. dove siamo arrivati.. poveri noi.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Ultime Notizie