Claudio Fochi
|

Fochi, il capogruppo M5S a Ferrara che su Facebook si chiede: «Perché tutti i terroristi sono musulmani?»

Il professor Claudio Fochi va rimandato in storia. Il capogruppo del Movimento 5 Stelle in consiglio comunale a Ferrara – di professione docente – scivola su un post sul legame tra religione islamica e terrorismo. All’indomani dell’attentato che ha colpito Barcellona e Cambrils, Fochi ha scritto su Facebook: «Scusate c’è qualcuno che mi sa spiegare perché tutti i TERRORISTI SONO MUSULMANI?
(senza tirare in ballo gli anni di piombo…)».

LEGGI ANCHE > Movimento 5 Stelle, le 10 gaffe del dopo voto

CLAUDIO FOCHI, LO SCIVOLONE SUI LEGAMI TRA TERRORISMO E RELIGIONE ISLAMICA

Il post – come segnalato dal portale estense.com – è stato poi cancellato, perché «non avrebbe trovato delle risposte adeguate». Ovviamente, non si tratta di un’affermazione originale, nel senso che, in Italia, viene ripetuta spesso, specialmente in alcuni ambienti legati alla destra e alla Lega Nord. L’adagio, più o meno, è sempre quello che varia sullo spartito del «non tutti i musulmani sono terroristi, ma tutti i terroristi sono musulmani».

Curioso che a dirlo sia un docente e un esponente di spicco del Movimento 5 Stelle. Il ruolo istituzionale ricoperto da Claudio Fochi, infatti, suggerirebbe una maggiore prudenza su affermazioni che – a conti fatti – sembrano essere piuttosto legate allo sviluppo di alcuni populismi approssimativi («da bar» li hanno definiti alcuni esponenti del suo stesso partito) e completamente distanti dalla realtà.

Fochi, infatti, citando il caso degli anni di piombo, allarga il campo della sua analisi alla totalità degli attentati terroristici. Purtroppo per lui, però, la sua tesi deve essere smentita sia da attentati di estremisti cristiano-protestanti (si veda il caso di Anders Breivik in Norvegia), da quelli di natura suprematista, da quelli separatisti che, fino a qualche anno fa, avvenivano in Irlanda del Nord o nei Paesi Baschi.

CLAUDIO FOCHI, LA PRESA DI DISTANZA DEL MOVIMENTO 5 STELLE

L’evidenza dello scivolone ha fatto scatenare un coro di proteste e alcuni esponenti del Movimento 5 Stelle si sono dissociati completamente da quanto affermato dal loro capogruppo in consiglio comunale. Maria Teresa Pistocchi, attivista storica della città estense, ha parlato di una generalizzazione sbagliata da parte del consigliere, mentre il gruppo dei Cittadini 5 Stelle Ferrara ha voluto prendere le distanze dalle parole di Fochi con un lungo post su Facebook.

Al termine dell’intervento, il gruppo Cittadini 5 Stelle Ferrara è arrivato persino a ipotizzare un imminente passaggio del consigliere Fochi nelle fila della Lega Nord: «A questo punto – si legge nel post -, auspichiamo l’ufficializzazione di quanto è ormai palese agli occhi di tutti i cittadini, ovvero il passaggio del consigliere Fochi dal Movimento 5 Stelle all’ala estremista della Lega nord».