Vigili del Fuoco
|

Vigili del Fuoco “spengono” i loro profili social, offesi dallo scandalo di Ragusa

I Vigili del Fuoco, nel pieno dell’emergenza incendi in Italia, decidono di “spegnere” oltre ai fuochi anche i loro profili social. Il motivo? Sono indignati da come i media hanno trattato lo scandalo di Ragusa, dove dei vigili del fuoco volontari appiccavano incendi per ottenere la diaria prevista. A dire il vero non un gran guadagno, dato che consiste in 10 euro l’ora.

L’annuncio è arrivato qualche ora fa dal profilo twitter ufficiale dei Vigili del Fuoco @emergenzavvf. Un tweet lapidario: “60000 ROGHISPENTI, i fatti dei volontari #Ragusa ci indignano, la strumentalizzazione pure. Oggi profilo chiuso: rispetto per #vigilidelfuoco. Un silenzio che non è solo un atto simbolico, ma anche la cessazione di un servizio – utile e apprezzato da tutti – che i Vigili del Fuoco garantiscono ai cittadini. Dal loro account, infatti, comunicano importanti informazioni alla cittadinanza sugli interventi in atto e le situazioni più critiche.

Vigili del Fuoco

NEL PIENO DELL’EMERGENZA INCENDI, LO SCANDALO DEI VOLONTARI PIROMANI DEI VIGILI DEL FUOCO DI RAGUSA

In un’estate in cui l’Italia brucia da nord a sud – ieri le fiamme hanno arso due donne a Tivoli, vicino Roma – la vicenda dei volontari piromani dei Vigili del Fuoco ha destato parecchio scandalo. In 15 sono accusati dalla Procura di Ragusa di aver appiccato incendi e simulato richieste di soccorso al 115. Il gruppo di volontari era in servizio presso il distaccamento di Santa Croce Camerina, ora indagato per truffa. Il capo dei Vigili del Fuoco volontari, che secondo l’accusa si assestava durante il turno, con la complicità dei colleghi, per andare con il suo furgoncino ad appiccare i fuochi, è stato arrestato ed è agli arresti domiciliari.

Strana la rezione dei Vigili del Fuoco, che hanno deciso di silenziare il profilo twitter @emergenzavvf, dal momento che la segnalazione sul distaccamento di Santa Croce Camerina è arrivata proprio dal comando dei Vigili del Fuoco di Ragusa che aveva notato anomalie sul numero di interventi effettuati dalla squdra dei 15 volontari piromani.