Pietro Di Mino
|

Pubblicò su Facebook auguri di buon compleanno a Benito Mussolini, si dimette assessore

Lo scorso 29 luglio aveva utilizzato un post non troppo esplicito (ma comunque perfettamente comprensibile) per fare gli auguri di buon compleanno a Benito Mussolini, nel 134° anniversario dalla sua nascita. Oggi, Pietro Di Mino, l’assessore di Fratelli d’Italia di Corsico (in provincia di Milano) si è dimesso e ha consegnato le sue deleghe ai servizi sociali.

LEGGI ANCHE > Chioggia, Punta Canna è la spiaggia dei nostalgici del fascismo

PIETRO DI MINO, LE DIMISSIONI DELL’ASSESSORE

L’immagine pubblicata su Facebook (non più visibile, perché l’ormai ex membro della giunta ha pensato bene di rendere privato il suo profilo) aveva in poche ore fatto il giro del web attraverso uno screenshot ed era stata additata da tutto il centrosinistra milanese come gesto irrispettoso e meritevole di provvedimenti disciplinari. Oggi, Di Mino ha provato a spegnere le polemiche rinunciando al suo mandato.

Sul post c’era scritto «134 candeline! Buon compleanno». Chiaramente, l’ex assessore si riferiva al 29 luglio 1883, data di nascita di Mussolini. Ma aveva addirittura provato a fare una parziale marcia indietro, modificando il suo messaggio e «adattandolo» ad augurio per i suoi familiari. Tuttavia, la rete aveva già agito fotografando la sua pagina Facebook e conservando il testo originale del post.

PIETRO DI MINO, IL PRECEDENTE

Del resto, Di Mino non è nuovo a questo tipo di gaffe social. Anche lo scorso 2 giugno, in occasione della Festa della Repubblica, aveva pubblicato un messaggio su Facebook in cui scriveva che «l’unica vera Repubblica era quella sociale».

Sia la minoranza di Corsico, sia l’ANPI (Associazione nazionale partigiani) avevano chiesto a gran voce le sue dimissioni. Oggi, puntualmente, sono arrivate. Ma il fascismo di ritorno, sebbene sbandierato soltanto nell’utilizzo della simbologia (come ha dimostrato il caso della spiaggia di Chioggia), sembra non volersi arrestare. E i social network rappresentano il vero e proprio megafono di questa nuova propaganda 2.0.