Chester Bennington
|

La lettera di Chester Bennington dei Linkin Park all’amico Chris Cornell

Sembra trascorso un abisso dallo scorso 18 maggio. Quel giorno Chester Bennington ha scritto l’ultimo saluto al suo fraterno amico Chris Cornell, il cantante dei Soundgarden che si era appena tolto la vita. Le parole sono quelle di un uomo distrutto dal dolore, ma nulla fa presagire che avrebbe fatto lo stesso. “Il pensiero di te ha allagato la mia mente e ho pianto”: è la frase più emblematica che rivela il profondo lato sentimentale della celebrità dei Linkin Park. Proprio nel giorno del compleanno di Chris, il mondo della musica ritorna sotto shock dopo l’estremo gesto dell’artista.

LEGGI ANCHE > CHESTER BENNINGTON, È MORTO SUICIDA IL CANTANTE DEI LINKIN PARK

LETTERA INTEGRALE DI CHESTER BENNINGTON A CHRIS CORNELL DEL 18 MAGGIO 2017

Ecco le parole tradotte del testo pubblicato su Twitter, introdotto da alcune semplici parole: “Con tutto il mio amore Chris Cornell”.

Ho sognato i Beatles la notte scorsa. Mi sono svegliato con ‘Rocky Raccoon’ in testa e lo sguardo preoccupato di mia moglie. Mi ha detto che il mio amico era appena morto. Pensieri su di te hanno inondato la mia mente e ho pianto. Sto ancora piangendo, triste e grato per aver condiviso alcuni momenti molto speciali con te e la tua bellissima famiglia. Mi hai ispirato in modi che nemmeno puoi immaginare. Il tuo talento era puro e senza rivali. La tua voce era gioia e dolore, rabbia e perdono, amore e crepacuore, tutto insieme. Suppongo che questo è ciò che siamo tutti. E tu mi hai aiutato a capirlo. Ho appena guardato un video di te che cantavi “A day in the life” dei Beatles e ho ripensato al mio sogno. Mi piace pensare che mi stessi dicendo addio alla tua maniera. Non posso immaginare un mondo senza te dentro. Prego perchè tu possa trovare pace nella prossima vita. Mando il mio affetto a tua moglie, i tuoi figli, gli amici e la famiglia. Grazie per avermi permesso di far parte della tua vita.