Il segreto per rimorchiare on line

donna-bella

E' talmente ovvio che ci voleva una ricerca per scoprirlo

“Guardami e il tuo sguardo assente mi allontana la mente. Gelido inverno, gelido sonno, il mio sguardo perso e io che ho bisogno di te”. Se Flavia Vento può risultare poetessa su Facebook perché i vari Mario Rossi non possono barare su peso e altezza?

Leggi anche:
Il porno non tira più
Quando il sesso distrugge la vita
I momenti più imbarazzanti del sesso

UNA RICERCA – Questo devono essersi chiesti i tedeschi; e la risposta ce la fornisce la Bild. Trovare l’altra metà della mela è un lavoro a tutti gli effetti. Per prima cosa si deve correre al centro commerciale più vicino, comprare un laptop a rate e dotarlo subito di un browser per iscriversi su un qualsiasi social network e dare l’avvio a una nuova luminosa carriera. Dopo il primo step, si passa alla costruzione del personaggio e si devono assolutamente imparare le norme basilari per utilizzare i programmi di fotoritocco. Insomma muscoli, labbra carnose, sparizioni fulminanti di nei e cellulite sono all’ordine del giorno.

BARARE MEGLIO, BARARE TUTTI – Una recente ricerca tedesca si è interrogata sulla spinosa questione interrogando 2274 utenti pescati da piattaforme per incontri on-line. La classifica del baro:

- Età 38%
- Dimensione e peso 27%
- Professione 22%
- Foto 19%
- Hobby e interessi 13%

PERCHE’ LO FAI? – Il 61% degli intervistati ha detto che voleva rendersi più interessante, il 9% giudica imbarazzanti alcuni particolari e il 13% si giustifica partecipando alla fiera delle buone intenzioni perché ha in programma di apportare delle migliorie al look come mettersi a dieta o segarsi 60 cm dai fianchi. Soltanto il 12% confessa, probabilmente sotto tortura, mentre il 54% è fiero della propria immagine gonfiata ma il dato più sorprendente è che il 44% si stupisce se all’appuntamento incontra un partner che ha bluffato. Un’ultima avvertenza per chi volesse sperimentale, a puro titolo scientifico ovviamente, la bontà della ricerca: impostate il profilo privato perché dalle foto taggate non si scappa.